Ultim'Ora

Romairone, Sono soddisfatto del mercato, adesso dobbiamo diventare squadra

Il DS Romairone (foto SSC Bari) ndr.

di Beppe Magrone
 
BARI, 16 OTT. -  Il direttore Sportivo del Bari ha fatto il punto della situazione durante la conferenza stampa odierna, rimarcando più volte l’importanza della sintonia creatasi tra roprietà, dirigenza e squadra.

“Sono soddisfatto per l’operatività in cui sono stato messo, il presidente sta mettendo tutti noi nelle condizioni per lavorare bene ed in armonia, trasmettendo la volontà ed il desiderio di imporre il Bari su tutte le cose.  La squadra costruita è competitiva con giocatori con caratteristiche diverse, calciatori di valore e funzionali che possono fare al caso di mister Auteri. Adesso dobbiamo diventare squadra migliorando in tanti aspetti.  
“Quando siamo arrivati”, continua il direttore, volevamo fare solo dei ritocchi, poi la fase del ritiro ha fatto cambiare idea nel bene e nel male sull’interpretazione di alcuni giocatori relativa alla nostra idea di calcio.
E’ stato un mercato difficilissimo fatto in poco tempo ma con l’aiuto importante della società e del presidente siamo riusciti a portare a casa giocatori importanti effettuando cessioni che pensavamo fossero difficili, portandoci a giocatori che cercavamo.
Per la difesa non abbiamo trovato il profilo giusto e non c’erano le condizioni ideali , anche perché siamo convinti che la retroguardia è un reparto assortito”.
Romairone fa anche un breve passaggio alla spinosa questione Hamlili, centrocampista considerato inamovibile nelle passate stagioni, messo sul mercato perché considerato poco adattabile al gioco di Auteri, ma che proprio ieri è stato reintegrato in rosa: “Hamlili ha fatto una verifica tecnico tattico con l’allenatore (forza fisica, giocata semplice, adattabilità del sistema di gioco). E’ inutile negarlo che ci sono state delle incomprensioni, ma noi abbiamo offerto valide opportunità che Zaccaria ha rifiutato. Ieri il ragazzo ha accettato il nostro invito ad essere integrato nel gruppo. Avrà le sue possibilità senza preclusione. Hamlili è un ragazzo intelligente e noi abbiamo il dovere di pensare alla squadra prima che ai singoli”.
 Il direttore sportivo si è espresso anche sulle dirette concorrenti alla conquista del campionato: “dobbiamo accorciare i tempi per diventare squadra dato che Avellino, Ternana sono già forti. Non vogliamo sottovalutare nessuno, ma se sapremo essere compatti tra società, squadra, città e tifoseria saremo vincenti lavorando ogni giorni con grande forza.  Noi siamo in costruzione facendo punti che ci soddisfano, lavoriamo per migliorarci di giorno in giorno.
Un pensiero di Romairone anche ai tifosi: “.  Spero di rivedere presto i tifosi sugli spalti. Lo stadio vuoto è un problema per noi, senza la tifoseria è difficile giocare. Sappiamo che i tifosi sono presenti ed è per questo che spero di vederli presto alla stadio.




lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento