Ultim'Ora

Calcio. Foggia aspettando il Palermo e la serenità



Federico Gentile calciatore del Foggia (foto web) ndr

di Mario Schena 

FOGGIA, 3 DIC. - Il Foggia si appresta ad affrontare il Palermo. Una gara che, visto il blasone delle due squadre profuma di categoria superiore. Si gioca alle quattordici, un’ora prima delle altre gare in programma sempre per i problemi legati all’impianto di illuminazione. Prima di inoltraci nel campo puramente calcistico va ricordato, sottolineato e condannato quanto accaduto giorni fa a rimarcare che in casa rossonera non c’è pace neppure dopo una vittoria in trasferta e la tranquilla posizione in classifica. Brutto episodio nella notte tra martedì e mercoledì. Ignoti hanno dato alle fiamme la porta d'ingresso dell'abitazione del calciatore rossonero, Federico Gentile. Un episodio inqualificabile che getta ulteriore fango su una città già relegata all’ultimo posto. Atto condannato da tutti, sindaco Landella in testa, ma che deve far riflettere sulla incontrollata libertà d’azione della quale godono alcuni teppisti e malviventi foggiani. 

In casa Foggia più che di calcio giocato pare tengano banco le vicende di cronaca nera e quelle societarie. In ambito societario l’unico a darsi ai media è l’amministratore delegato Davide Pelusi. Pelusi si è mostrato soddisfatto dell’andamento della squadra e spendendo parole di elogio per mister Marchionni e il Direttore Tecnico Ninni Corda, ma ha posto l’accento anche sulla vicenda Del Prete, difensore rossonero messo fuori rosa per provvedimenti disciplinari. Il giocatore che, pare, abbia preteso di essere schierato sempre come titolare è stato sanzionato dalla Società per un atteggiamento decisamente poco rispettoso nei confronti del tecnico e soprattutto dei compagni di squadra. Sono arrivate in seguito le scuse del difensore rossonero che è stato reintegrato nel gruppo. Visto l’infortunio di Naessens e la quasi certa cessione di Ndiaye alla Salernitana l’amministratore delegato del Foggia ha assicurato che gli assenti saranno rimpiazzati da elementi validi. 

Sul piano cessione, Pelusi ha confermato ormai chiusa la trattativa con Canonico e si auspica invece un sostegno dalla imprenditoria locale con l’ipotesi di un azionariato diffuso costituito da cento imprenditori di Capitanata pronti a finanziare il Foggia Calcio con quote di 10.000 euro annue oltre alla sospensione degli adempimenti fiscali e contributivi fino al 30 aprile 2021, che consentirebbe alla società di guardare al futuro con una maggiore serenità. Tornando al calcio che ci interessa di più, cioè quello giocato sul manto erboso il Palermo allenato da Boscaglia arriva a Foggia con sedici punti due lunghezze sotto il Foggia, ma ha già riposato. I rosanero sono reduci dal pari con la Viterbese subendo tre gol, ha segnato quattordici reti come il Foggia e ne ha subite altrettante, una meno dei rossoneri. Il suo bomber è Saraniti con quattro reti segnate. Gioca molto sulle fasce. Un avversario molto duro, ma battibile. La speranza è che il Foggia trovi più gol, pochi finora e soprattutto tanti su calcio di rigore e pochi su azione manovrata, si spera D’Andrea sul quale si fa molto affidamento. 

Scontata la squalifica ritornerà Curcio che con Rocca ha dimostrato che insieme possono far male agli avversari.


lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento