Ultim'Ora

Calcio. il Foggia batte la Casertana ed è quarto in classifica



Filippo D'Andrea autore del gol del Foggia 8foto web) ndr

di Mario Schena

Foggia - Tornare alla vittoria. Imperativo senza alternative per il Foggia nel match con la Casertana. Bisognava scacciare le ombre di una crisi di gioco che stava prendendo corpo dopo il pareggio interno con la Juve Stabia, la sconfitta di Catania e il pari esterno di Bisceglie, anche se quest’ultimo ottenuto su un campo decisamente impraticabile. Bisognava vincere, ma l’impresa non era facile contro una Casertana in salute e reduce da ben quattro vittorie consecutive con Catania, Paganese, Bisceglie e Juve Stabia, le ultime 3 fuori casa. Tutt’altra cosa rispetto alla compagine dell’andata sul campo della quale il Foggia aveva vinto due a zero con reti di Rocca dal dischetto e Vitale. Questa volta è finita uno a zero per i rossoneri. Non erano della gara Anelli per squalifica oltre agli infortunati Di Stasio, Del Prete e Rocca, convocato per il neo-acquisto, il portiere Lorenzo Jorio. Marchionni ha quindi ha schierato a difesa della porta Fumagalli, il trio di difesa composto d Galeotafiore a destra, Gavazzi centrale e Germinio a sinistra, centrocampo a cinque formato da Kalombo sulla fascia destra, Di Jenno sulla sinistra e in mezzo al campo Ha diretto Federico Fontani della sezione A.I.A. di Siena coadiuvato da Khaled Bahri di Sassari e Simone Piazzini di Prato. Quarto ufficiale di gara, il sig. Matteo Centi di Viterbo.

Primo Tempo – Sembra padrona del campo la Casertana che inizialmente tiene campo e palla costringendo il Foggia a correre a vuoto. I campani operano soprattutto sulle fasce esterne con Dal Grosso e Turchetta. Vanno per primi alla conclusione, al secondo minuto, è proprio dal Grosso che, in area, da posizione decentrata impegna Fumagalli. Il Foggia si scuote e pian piano trova le giuste misure cominciando a pungere con Dell’Agnello che al sesto minuto prova la conclusione di tacco su cross dalla sinistra. Il Foggia trova campo e al quattordicesimo va alla conclusione con Di Jenno che da fuori area impegna Avella alla deviazione in tuffo. Il Foggia sembra trasformato, diventa il padrone del centrocampo e, dopo due minuti, trova il vantaggio con D’Andrea, al suo quinto gol stagionale, che si fionda di testa su cross di Curcio dalla destra anticipando Avella apparso piuttosto indeciso sull’uscita. La Casertana accusa il colpo ed il Foggia cerca costantemente il gol del raddoppio. La squadra campana soffre nell’arginare i rossoneri e Curcio mette ancora in difficoltà l’estremo difensore rossoblù con un tiro dal limite dell’area. La reazione della Casertana è debole e lo dimostra la conclusione di Cuppone dal limite dell’area alla mezzora. L’ultimo brivido è figlio di una bella ripartenza dei rossoneri al quarantunesimo con tocco ravvicinato di Dell’Agnello deviato di piedi dal portiere campano che impedisce il raddoppio ai rossoneri. Due minuti di recupero e tutti negli spogliatoi.

Secondo tempo – La seconda parte della gara vede la partita incanalarsi sui binari dello scontro fisico. Gioco frammentato e ammonizioni a pioggia. La Casertana cerca il pari ma si espone alle ripartenze del Foggia che al quarto non trova il raddoppio con D’Andrea che tutto solo conclude debolmente. Rispondono i rossoblù due minuti dopo con Cuppone che in area conclude on un debole diagonale ce termina sul fondo. Al ventinovesimo Foggia vicino al raddoppio con Garofalo che non trova la deviazione vincente a due metri dalla linea di porta anche perché disturbato da un avversario. La Casertana pressa e va vicino al pari in un paio di occasioni. Quattro i minuti di recupero concessi ad inizio del quale Fumagalli salva il risultato con una parata da riflessi felini sul tocco ravvicinato di Turchetta. Al quarantottesimo Muschiazzo si fa espellere per un colpo a Dell’Agnello con la palla lontana. Arriva il triplice fischio. Finisce con la vittoria del Foggia una partita che la squadra di Marchionni ha comunque meritato di vincere interrompendo la lunga serie positiva di una Casertana in salute, ma apparsa poco incisiva. Si ritorna in campo martedì contro il Teramo per continuare a mettere punti in cascina per l’obiettivo primario che è la salvezza.

lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento