Ultim'Ora

"Il bambino e l'adolescente nella famiglia e nella scuola. Interventi pedagocigi della grafologia", il seminario online della A.G.P.

La locandina (foto in allegato) ndr.

di Redazione

BARI, 18 FEB. (Com. St.) - Il prossimo ventisette febbraio un seminario sul tema di  com'è cambiata la relazione scuola – famiglia e quali le problematiche emergenti: dal disagio relazionale, alle difficoltà grafomotorie che richiedono l'intervento del Pedagogista e l'apporto del  Grafologo  coadiuvato  dall’Educatore  del  gesto  grafico  per  la  prevenzione delle disgrafie dovute anche all'uso dei mezzi elettronici. 

Il seminario organizzato da A.G.P. Puglia vedrà in “campo” relatori come Roberto Travaglini presidente A.G.P.( Associazione Grafologi Professionisti), perito grafico, professore associato di Metodologia della ricerca pedagogica all’Università di Urbino Carlo Bo, Katia Blasi – referente A.G.P. Puglia, responsabile del CE.S.GRAF. Puglia, Docente corsi CE.S.GRAF., Pedagogista, Educatore del gesto grafico, esperta in grafologia dell’età evolutiva, Grafologa Giudiziaria, Filomena Labriola – Pedagogista – PH.D in Scienze delle relazioni umane – presidente dell’ ANPE - associazione nazionale pedagogisti - Puglia e Basilicata, Francesca Vecera – Pedagogista, segretaria dell’ ANPE - associazione nazionale pedagogisti - Puglia e Basilicata, Coordinatrice centro antiviolenza e comunità educativa, Sacco Iole Marianna – Pedagogista, membro del direttivo dell’ ANPE - associazione nazionale pedagogisti - Puglia e Basilicata, coordinatore comunità educativa, Simona Esposito – Docente corsi CE.S.GRAF., Educatore del  gesto  grafico,  esperta  in grafologia dell’età evolutiva, docente scuole superiori esperta in grafologia dell’età evolutiva, Grafologa Giudiziaria e Tiziana Conte – Pedagogista – vice – presidente dell’ ANPE - associazione nazionale pedagogisti - Puglia e Basilicata. La dottoressa Katia Blasi – referente A.G.P. Puglia ricordando una citazione di Max Pulver che "l'uomo che scrive disegna inconsapevolmente la sua natura interiore", sottolinea l’importanza di partecipazione a queste attività di formazione, in quanto il grafismo nella sua globalità, si basa sull'osservazione di quattro elementi costitutivi della scrittura: tratto, forma, movimento, spazio in  quanto il gesto grafico esprime l'individualità più recondita di un soggetto ed è testimone e precursore di processi evolutivi.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento