Ultim'Ora

Bari. Due soccorsi andati a buon fine, i poliziotti salvano un ultraottantenne ed un cittadino colpito da malore [CRONACA DELLA P.S. ALL'INTERNO]

Polizia Stradale. (foto P.S.) ndr.

di Redazione

BARI, 22 APR. (COMUNICATO STAMPA) - Nei giorni scorsi, la Polizia di Stato è intervenuta in due situazioni distinte e ha soccorso un ultraottenne disabile, che in carrozzella percorreva la SS100, e un cittadino colpito da infarto a Gioia del Colle. Nel primo intervento, in base ad una segnalazione di alcuni automobilisti concernente una carrozzella motorizzata che percorreva la strada statale 100, veniva inviata una pattuglia della Polizia Stradale che rapidamente appurava la veridicità della notizia. I poliziotti fermavano il veicolo sulla SS.100 e si accorgevano che era condotto da una persona anziana, ultraottantenne, che, alla vista dei poliziotti, rincuorato, confidava di aver smarrito la via di casa e di non essersi reso conto di essere su una strada ad alta velocità. L’anziano signore, soccorso e rassicurato, veniva poi affidato alla figlia che nel frattempo era giunta sul posto. Nel secondo intervento i poliziotti della Polizia Stradale, hanno soccorso un cittadino Gioiese, che era stato colpito da infarto. L’uomo non riuscendo a contattare il 118, a causa delle numerose richieste di soccorso in atto sulle le linee telefoniche, inviava un familiare a chiedere aiuto al vicino Distaccamento Polizia Stradale di Gioia del Colle. I poliziotti, resisi conto della gravità della situazione, contattavano i sanitari del 118 e si recavano rapidamente a casa del cittadino in difficoltà. Nel frattempo giungeva l’autombulanza che, scortata dalla pattuglia della Stradale, dopo aver prestato le prime cure del caso, lo trasportava in codice rosso presso il locale nosocomio salvandolo ed evitando nefaste conseguenze. 

BARI, LA POLIZIA DI STATO CATTURA RICERCATO PER ASSOCIAZIONE A DELINQUERE DI STAMPO MAFIOSO 

Ieri sera, a Bari, i poliziotti della Squadra Mobile hanno individuato e tratto in arresto il 35enne Salvatore Ficarelli. L’uomo, ricercato, è destinatario di un ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura Generale della Repubblica di Bari. Il 35enne, elemento di spicco del “Clan Strisciuglio”, deve espiare la pena definitiva di 7 anni e 11 mesi di reclusione per associazione a delinquere di stampo mafioso, rapina, ricettazione e porto di armi. Il Ficarelli, coinvolto nell’operazione di polizia denominata “Agorà” (anno 2015), lo scorso 22 marzo si era sottratto alla cattura per evitare di scontare la condanna definitiva. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso il Carcere di Bari.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento