Ultim'Ora

Modugno (Ba). Scippa un’anziana e la manda in ospedale: arrestato un minorenne. [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

Il materiale sequestrato. (foto cc.) ndr.

di Redazione

BARI, 17 APR. (COMUNICATO STAMPA) - Protagonista dell’episodio, avvenuto a Modugno, un minorenne del posto, rintracciato e arrestato dai Carabinieri della locale Compagnia. Il fatto è avvenuto nella centrale via Imbriani. Il giovane, noto alle forze dell’ordine, si è avvicinato alla signora, 70enne e sorprendendola alle spalle le ha strappato la borsa; tuttavia l’anziana ha opposto resistenza aggrappandosi alla borsa, cercando di far desistere il malfattore. Per tutta risposta il ragazzo con un forte strattone l’ha fatta cadere per terra, riuscendo a sottrarre la borsa e a scappare a piedi. La donna, nel cadere, ha sbattuto violentemente la testa per terra e, dopo i primi soccorsi di alcuni passanti e della pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Modugno, è stata medicata, sul posto, dal personale del 118 che l’ha poi trasportata presso l’Ospedale Mater Dei dove veniva dimessa con una prognosi di 15 giorni. La fuga del giovane scippatore è stata, comunque, brevissima. I militari intervenuti, allertati da un passante che ha soccorso l’anziana signora, si sono messi subito sulle tracce dell’autore del reato che, durante la colluttazione, ha perso il telefono cellulare; è bastato, quindi, poco per risalire alla sua identità peraltro confermata da alcune testimonianze, ossia da chi lo ha sorpreso mentre rovistava all’interno di una borsa, in una via limitrofa al luogo dello scippo, poi abbandonata priva del denaro. Una volta rintracciato il giovane, messo davanti al fatto compiuto, ha ammesso le sue colpe, fornendo anche indicazioni per il successivo rinvenimento del giubbino indossato per commettere lo scippo e gettato in un bidone dei rifiuti. A questo punto, per il minorenne, che peraltro a febbraio scorso si è reso responsabile di un altro scippo, è stato arrestato per rapina aggravata e lesioni personali. Accompagnato presso l’Istituto Penale Minorile “Fornelli” di Bari dopo la convalida dell’arresto il Tribunale per i Minorenni ha disposto la liberazione con l’obbligo di permanenza in casa. 

SAMMICHELE DI BARI(BA). PUSHER-CONVIVENTI SORPRESI A SPACCIARE COCAINA, ARRESTATI. 

Nell’ambito della continua azione di contrasto ai reati inerenti agli stupefacenti posta in essere dal Comando Provinciale di Bari su tutto il territorio della città metropolitana, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Gioia del Colle hanno predisposto uno specifico servizio di appostamento e osservazione che ha portato all’arresto, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, di una coppia di Sammichele di Bari. Nella serata di ieri, i due conviventi sono stati notati muoversi con spostamenti sospetti che hanno indotto gli operanti ad alzare il livello di guardia. I due, a piedi, si sono dapprima recati nell’immediata periferia del piccolo centro dove, dopo aver spostato alcune pietre di un muretto a secco, hanno prelevato alcuni involucri che sono stati riposti nella borsa della donna. Subito dopo la coppia, sempre a piedi, si è spostata verso il parcheggio antistante al campo sportivo comunale dove una macchina di grossa cilindrata di colore scuro era in sosta, con il motore acceso, e con due giovani a bordo. In quel frangente è scattata la rete tesa dai Carabinieri che, appostatisi nei paraggi, sono intervenuti proprio nel momento della cessione dello stupefacente. Subito bloccati pusher e acquirenti, i militari hanno recuperato complessivamente circa 10 grammi di “cocaina”, in parte suddivisa in dosi. La donna, P.A. 34enne, ed il compagno, D.G. 39enne, già noto alle Forze dell’Ordine per i suoi trascorsi anche specifici, sono stati dichiarati in arresto. I due acquirenti sono stati segnalati alla Prefettura di Bari quali assuntori. I due conviventi, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, sono stati sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria l’abitazione di residenza in attesa di giudizio. La droga sequestrata verrà analizzata nei prossimi giorni dal Laboratorio del Comando Provinciale Carabinieri di Bari.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento