Ultim'Ora

Bari. La Polizia di Stato arresta un uomo, gia' agli arresti domiciliari, in possesso di un fucile d’assalto kalashnikovtrovato [CRONACA DELLA P.S. ALL'INTERNO]

Il fucile sequestrato. (foto P.S.) ndr.

di Redazione

BARI, 6 GIU. (COMUNICATO STAMPA)- A Bari, nella mattinata di ieri, nel quartiere San Paolo, i poliziotti della Sezione Contrasto al Crimine Diffuso della Squadra Mobile, nell’ambito dei controlli ai detenuti agli arresti domiciliari predisposti dal Questore di Bari, hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un 52enne, con precedenti di polizia per reati contro il patrimonio, responsabile di detenzione di arma da guerra con relativo munizionamento e ricettazione della stessa. Gli investigatori, avendo il sospetto che presso l’abitazione del detenuto agli arresti domiciliari, potessero essere occultate armi e munizioni, hanno proceduto ad un accurata perquisizione domiciliare, che ha consentito di rinvenire e sequestrare un fucile mitragliatore AK47 calibro 7,62, completo di un caricatore che conteneva 11 cartucce dello stesso calibro. L’arma era ben occultata all’interno di uno zaino nascosto su un ripiano dell’armadio della camera da letto. Dopo le formalità di rito il pregiudicato è stato associato presso il carcere di Bari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente. Sono in corso accertamenti balistici sull’arme e le munizioni, al fine di verificare l’eventuale utilizzo dell’arma in precedenti episodi delittuosi. 

BARI: LA POLIZIA DI STATO ARRESTA UNA COPPIA DI SPACCIATORI CON BASE OPERATIVA NEL QUARTIERE POGGIOFRANCO 

Nella serata di giovedì scorso, nell’ambito dei servizi di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti predisposti dal Questore di Bari, i poliziotti della Sezione Contrasto al Crimine Diffuso della Squadra Mobile hanno tratto in arresto un uomo ed una donna, rispettivamente di 33 e 38 anni, entrambi con precedenti di polizia anche specifici, ritenuti responsabili di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. I due arrestati, sebbene residenti a Triggiano e Modugno, avevano preso in locazione un appartamento nel quartiere Poggiofranco, utilizzandolo esclusivamente come base operativa per l’attività di spaccio. La perquisizione eseguita all’interno dell’abitazione ha consentito di rinvenire e sequestrare numerosi involucri contenenti, complessivamente, circa 15 grammi di cocaina; sottoposta a sequestro anche una ingente somma di denaro, ritenuta provento dell’attività di spaccio. Entrambi, giudicati con rito direttissimo nella mattinata di ieri, sono stati sottoposti alla misura dell’obbligo di presentazione alla P.G. Nei confronti dell’uomo è stato anche disposto l’obbligo di dimora nel comune di residenza.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento