Ultim'Ora

Bari. Estorce denaro ad un suo amico. Arrestato giovane albanese [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

Arrestato alnbanese per estorsione a BAri. (foto cc.) ndr.

di Redazione

BARI, 9 AGO. (C. St.) - Nella serata di ieri i militari del Nucleo Radiomobile di Bari hanno arrestato un 23enne albanese, S.E., incensurato, responsabile di estorsione ai danni di un 41enne italiano. La vittima e l’albanese si conoscevano da un po’, quando all’improvviso S.E., facendo leva sulla propria precaria situazione economica, ha iniziato a richiedere con insistenza denaro all’italiano. Dapprima le richieste si limitavano a 100,00 euro, per poi salire fino a 300,00. Con l’andare del tempo, le richieste si sono trasformate in vere e proprie estorsioni, scaturite in minacce fisiche alla vittima, qualora non avesse adempiuto alle somme richieste. L’uomo, assillato e intimorito da decine di messaggi (successivamente accertati provenire da un finto account Facebook ) e telefonate ricevute ad ogni ora del giorno e della notte, ha deciso quindi di rivolgersi ai Carabinieri per porre fine all’angosciante situazione. I militari, avuto contezza di quanto si stava verificando, nella serata di ieri, nell’affollata Via Sparano, mimetizzati tra la folla, sono intervenuti proprio mentre l’uomo stava consegnando l’ennesima somma di denaro all’albanese, arrestando così S.E. nella flagranza del delitto di estorsione. Il denaro, interamente recuperato, è stato restituito alla vittima, mentre S.E. è stato tradotto agli arresti domiciliari in attesa di comparire dinanzi l’Autorità Giudiziaria. 

Arresti dei cc. per rapina a Gioia del Colle. (foto cc.) ndr.
GIOIA DEL COLLE (BA): I CARABINIERI ARRESTANO UNA COPPIA DI PREGIUDICATI PER RAPINA AI DANNI DI UN’ANZIANA RICOVERATA IN UNA CASA DI RIPOSO 

Nella serata di ieri, è pervenuta sull’utenza pronto intervento 112 la segnalazione di una aggressione avvenuta nei confronti di un’anziana donna, ospitata all’interno di una casa di riposo in Gioia del Colle. Giunti sul posto i militari hanno immediatamente appreso che un uomo ed una donna, dopo essere entrati nella struttura, si sono avvicinati ad un’anziana ospite e con violenza le hanno strappato dai lobi gli orecchini. I malviventi si sono quindi allontanati dal posto, facendo perdere le proprie tracce. Le descrizione dei malviventi fornite da parte della vittima e di alcune persone presenti nella casa di riposo, hanno portato i militari a sospettare di una coppia di coniugi residenti nella zona, ben conosciuti per i loro pregressi con la giustizia. Difatti, poco dopo, i coniugi B. A. 46enne e G. F. 41enne, sono stati rintracciati ed accompagnati in caserma per gli accertamenti del caso. Gli approfondimenti investigativi hanno permesso di acclarare le loro dirette responsabilità sulla vile rapina compiuta nei confronti della anziana donna, individuandoli come gli autori materiali del delitto. I due sono stati quindi arrestati per concorso in rapina aggravata e tradotti presso le Case Circondariali di Trani e Bari a disposizione della competente A.G.. La vittima, oltre al forte spavento, ha riportato lievi lacerazioni ai due lobi, giudicate guaribili in pochi giorni. 

Arrestato per tentativo di furto dai cc. ad Andria. (foto cc.) ndr.
ANDRIA (BT): TENTA DI RUBARE PER DUE VOLTE UN’AUTO CON LO “STERZO UNIVERSALE”. ARRESTATO DAI CARABINIERI 

I continui controlli del territorio, sia nelle vie cittadine che nelle zone di campagna, hanno permesso ai Carabinieri della Compagnia di Andria di trarre in arresto un 32enne del luogo S. F., già noto alle forze dell’ordine per piccoli precedenti penali. Il giovane ha cercato di rubare una Ford Fiesta di recente immatricolazione, parcheggiata in Andria, via S. Maria dei Miracoli, utilizzando uno c.d. “sterzo universale”, ma l’intervento dei militari, che si trovavano nella zona, lo ha fatto desistere, per poi darsi a precipitosa fuga, lasciando il mezzo con innestato lo “sterzo universale”. Imperterrito, nonostante la fortunosa fuga che gli ha consentito di dileguarsi scampando alla cattura dei Carabinieri, dopo alcuni minuti, è ritornato sul luogo ove era parcheggiata l’autovettura per concludere l’azione criminosa, senza accorgersi che stava sopraggiungendo il proprietario, un 61enne del luogo, nel frattempo allertato dai militari, per costatare i danni subiti. A quel punto, S.F., vedendo di nuovo arrivare la pattuglia dell’Arma, ha cercato alla meno peggio di recuperare lo “sterzo universale”, scappando di nuovo a piedi. Questa volta, però, complice anche la strada bagnata, l’inseguimento si è interrotto dopo poco con la cattura del giovane, scivolato sul manto stradale ed il recupero dello “sterzo universale”. S.F., è stato quindi arrestato con l’accusa di tentato furto aggravato e, su disposizione dell’Autorità Giudiziari, è stato tradotto presso la casa circondariale di Trani. L’ambita autovettura è quindi ritornata nella disponibilità dell’avente diritto. Nel medesimo servizio di controllo del territorio, sono state, inoltre, recuperate altre due autovetture che erano state rubate nel pomeriggio e restituite ai legittimi proprietari.





Nessun commento