Ultim'Ora

Modugno (Ba). La città intitola Largo a Lorenzo Zaratta, piccola vittima dei veleni Ilva

Modugno (Ba). (foto com.) ndr.

di Redazione

MODUGNO (BA), 28 NOV. (Comunicato St.) - A Modugno, all’interno di un’area in cui sono in corso lavori di riqualificazione urbana, in via Magna Grecia, un parco per bambini sarà dedicato a Lorenzo Zaratta, bambino tarantino morto a soli 5 anni e diventato simbolo della lotta all’inquinamento dell’ILVA di Taranto. La mattina del 29 novembre, il sindaco di Modugno, Nicola Magrone, scoprirà la targa intitolata a Lorenzo “perché la sua breve vita sia simbolo di tutte le comunità in lotta contro l'inquinamento industriale”. “Radichiamo - dice Magrone - in un’area che rinasce a misura di bambino il nome di Lorenzo. Il piccolo, per noi, deve rivivere simbolicamente in un contesto diametralmente opposto a quello compromesso dai veleni in cui è nato”. Modugno – Martedì 29 novembre, alle ore 11, l’Amministrazione Comunale - accogliendo una proposta rivolta alcuni mesi fa ai sindaci italiani dal medico Agostino Di Ciaula - inaugurerà il nuovo Largo a Lorenzo Zaratta, morto nel 2014 a soli 5 anni per un carcinoma al cervello, col quale era nato, a Taranto, la città dell’ILVA, industria ormai nota per l’elevatissima nocività delle sue emissioni. La cerimonia avrà luogo nell’area a verde antistante la Scuola Don Milani nel quartiere di Piscina dei Preti alla presenza del papà di Lorenzo, Mauro Zaratta. L’Amministrazione Magrone sin dal suo insediamento è impegnata tenacemente a impedire l’insediamento e l’ampliamento di nuove realtà industriali che anche solo potenzialmente possano rivelarsi inquinanti, insalubri o comunque nocive per l’ambiente e la salute dell’uomo. Per questo, la Giunta Comunale, ritenendo che il piccolo Zaratta, il suo volto, la sua storia siano diventati un simbolo contro l’inquinamento industriale, ha deciso di intitolare a Lorenzo un luogo pubblico del territorio comunale. Ha scelto, dunque, il quartiere di Piscina dei Preti, dove sono stati avviati lavori di riqualificazione finalizzati a migliorare la qualità di vita dei cittadini e a rendere più sicuro e “a misura di bambino” il contesto urbano. Nell’ambito dei lavori di riqualificazione - tuttora in corso - è prevista appunto la realizzazione di una nuova e ampia area a verde attrezzato, con un parco giochi, area che l’amministrazione modugnese ha ritenuto opportuno dedicare al piccolo Lorenzo. “Per l’intitolazione a Lorenzo, abbiamo pensato a una zona in cui è in corso la riqualificazione urbana – sottolinea il Sindaco Magrone – per sottolineare la volontà di dare una rinascita a misura di bambino al quartiere Piscina dei Preti. A ricordare Lorenzo, e a farlo simbolicamente rinascere, deve essere un luogo fatto di verde e di giochi, un luogo cioè che sia l’esatto opposto dei territori in cui l’ambiente e la salute dell’uomo sono compromessi dall’industria inquinante.





Nessun commento