Ultim'Ora

Economia. Vivendi punta al 30% di Mediaset. Cosa c'è dietro la scalata

Vivendi punta al 30% di Mediaset. (foto Agi) ndr.

di Redazione

ROMA, 20 DIC. (AGI) - Oggi il cda di Vivendi ha alzato ancora il livello dello scontro per Mediaset. La società francese vuole arrivare immediatamente sotto il 30% delle azioni di Mediaset, soglia che farebbe scattare l'obbligo di Opa. Quello che si delinea è uno scontro totale. Vivendi da giorni sta provando a scalare Mediaset per diventarne il secondo azionista. Fininvest, la finanziaria della famiglia Berlusconi che possiede la maggioranza del Biscione, sta alzando un muro rastrellando azioni per impedirglielo. E si è rivolta alla Procura per denunciare una manipolazione del mercato. Una partita complessa, fatta di operazioni corsare in borsa, giochi politici. E tribunali. A capo della media company francese c’è un imprenditore che sentiremo spesso nominare nei prossimi mesi: Vincent Bolloré, 64 anni, bretone. Che ha approfittato del caos politico italiano e degli impegni di Silvio Berlusconi nella campagna referendaria, per sferrare un attacco alla principale televisione privata italiana. La sua storia imprenditoriale ci dice che non è uomo da operazioni ostili su altre società. Ma anche che ha una grandissima capacità di sfruttare il caos per fare ottimi affari. Ma chi è Bolloré? Quali sono i suoi interessi in Italia? E che vuole fare di Mediaset?





Nessun commento