Ultim'Ora

Bari. La Polizia arretsa georgiano 32enne per rapina

Un arresto della Polizia a Bari per rapina. (foto P.S.) ndr.

di Redazione

BARI, 15 SETT. (Comunicato St.) - Ieri pomeriggio, a Bari, la Polizia di Stato ha tratto in arresto, nella flagranza del reato di rapina, il 32enne cittadino georgiano CHACHANIDZE Aleko, nato a Tiblisi. In particolare, personale della Squadra Mobile, nei pressi di piazza Garibaldi, ha notato un cittadino straniero di origini nigeriane che inseguiva l’arrestato; i poliziotti, intuendo che fosse successo qualcosa di grave, hanno intimato ad entrambi di fermarsi e l’inseguimento è durato fino a quando il nigeriano non è riuscito a raggiungere e bloccare il georgiano. L’uomo di colore, durante l’inseguimento, urlava in lingua inglese che il fuggitivo era un ladro che aveva derubato, poco prima, una signora. Con l’ausilio di altri equipaggi intervenuti sul posto, entrambi venivano fermati ed accompagnati presso gli uffici della Squadra Mobile dove veniva ricostruita la dinamica dell’accaduto. Nello specifico l’arrestato, nei pressi del Tribunale, a bordo di una bicicletta, si era avvicinato ad una donna e le aveva sottratto il portafogli custodito nella borsa che portava a tracolla; sorpreso dalla reazione della vittima, il rapinatore la spintonava facendola rovinare sull’asfalto e si dava alla fuga a piedi, abbandonando la bicicletta. Il gesto era stato notato dal cittadino nigeriano, risultato in possesso di permesso di soggiorno quale richiedente asilo, che senza alcun timore si era messo prontamente all’inseguimento dell’autore della rapina; durante il tentativo di fuga il rapinatore aveva perso il portafogli rubato poco prima che, successivamente, è stato recuperato dai poliziotti e riconsegnato alla legittima proprietaria. Dopo le formalità di rito, l’arrestato è stato associato presso la locale Casa Circondariale, a disposizione dell’A.G. Chachanidze è stato inoltre segnalato all’autorità amministrativa ai sensi dell’art.75 DPR 309/90 perché trovato in possesso di 4,50 grammi di marijuana. 

AGGREDITI TRE AGENTI SUL TRENO FRECCIABIANCA PER TORINO - ARRESTATO 25ENNE DEL MALI

Nell’ambito dell’intensificazione delle attività di prevenzione e contrasto di fenomeni illegali predisposti dal Dirigente del Compartimento Polizia Ferroviaria per la Puglia, la Basilicata ed il Molise nelle Stazioni ed a bordo treno, ieri mattina, agenti del Posto di Polizia Ferroviaria di Barletta, durante un servizio di scorta viaggiatori a bordo del treno Frecciabianca 8824 (Lecce-Torino), intervenivano in aiuto del Capotreno, che aveva sorpreso un cittadino straniero sprovvisto del biglietto di viaggio e che non intendeva pagarlo a bordo. All’atto del controllo da parte degli agenti, lo straniero si opponeva con forza, rifiutandosi di declinare le proprie generalità e di esibire i documenti d’identificazione, scatenando, nel tentativo di scappare, una violenta colluttazione, nel corso della quale gli agenti, colpiti ripetutamente con calci e pugni, riportavano diverse lesioni refertate in seguito presso l’Ospedale Civile di Barletta. Bloccato con non poche difficoltà, il cittadino del Mali di anni 25, veniva condotto presso gli Uffici della Polizia Ferroviaria di Barletta dove, al termine degli accertamenti, veniva dichiarato in arresto per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale nonché lesioni, e ristretto presso la Casa Circondariale di Trani a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Non è il primo intervento che gli agenti del Posto di Polizia Ferroviaria effettuano in soccorso del personale di Trenitalia. Il 30 agosto u.s., arrestavano un nigeriano, sorpreso dal Capotreno dell’IC 703 (Roma-Bari) sprovvisto di biglietto, al quale aveva procurato la fratture delle costole.



Nessun commento