Ultim'Ora

Acquaviva delle Fonti (Ba). Arrestato dai Carabinieri un pregiudicato, 24enne, dal “grilletto facile”, trovato con una pistola e numerose munizioni [CRONACA DEI CC. ALL'INTERNO]

Arrestato dai Carabinieri un pregiudicato, 24enne ad Acquaviva delle Fonti. (foto cc.) ndr.

di Redazione

BARI, 25 NOV. (Comunicato St.) - Ieri i Carabinieri della Stazione Carabinieri di Acquaviva delle Fonti, nell’ambito di una mirata attività d’indagine legata anche ai recenti episodi delittuosi verificatisi in quel centro, hanno effettuato una serie di perquisizioni, nonché controllato numerosi pregiudicati del luogo. In tale contesto, a casa del pregiudicato C. G., 24enne di Acquaviva delle Fonti, i militari hanno trovato una pistola semiautomatica marca “TANFOGLIO” cal. 7,65, munita di caricatore con 7 cartucce, perfettamente funzionante, nonché due caricatori di scorta e ulteriori n. 39 colpi dello stesso calibro che il giovane nascondeva in un marsupio riposto nell’armadio della stanza da letto. I successivi accertamenti hanno consentito di acclarare che la pistola risulta essere provento di un furto consumato in San Giorgio Jonico (TA) nel lontano 2001. Il 24enne, gravato da precedenti specifici, è stato quindi arrestato ed associato presso la Casa Circondariale di Bari, dovendo rispondere di detenzione illecita di arma da sparo e munizioni, nonché del reato di ricettazione. Il predetto, già nel 2011, all’epoca appena maggiorenne, si rese responsabile della gambizzazione di un giovane di Acquaviva, risultato essere rivale in amore di un suo conoscente che gli aveva di rimando conferito il “mandato” per colpire. Nelle successive indagini, lo stesso C. fornì agli investigatori le indicazioni utili per recuperare la pistola utilizzata per la gambizzazione. 

ANDRIA (BT). “PIETRE” DI COCAINA NEL GARAGE. ARRESTATO DAI CARABINIERI UN INCENSURATO 35ENNE 

È stato inferto un duro colpo, la scorsa sera, dai Carabinieri della Compagnia di Andria al narcotraffico cittadino. A finire in manette, infatti, è stato un 35enne del luogo, incensurato e insospettabile, sorpreso detenere nella sua disponibilità circa 300 grammi di cocaina, ancora in pietra e da tagliare. La stessa, immessa sul mercato della tossicodipendenza, avrebbe fruttato diverse decine di migliaia di euro. Sono stati i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile, nel corso dei mirati servizi predisposti per la prevenzione ed il contrasto all’illecita attività dello spaccio di sostanze stupefacenti in area urbana, ad intercettare il 32enne, mentre viaggiava alla guida di un’utilitaria nei pressi di Santa Maria Vetere. Sottoposto a controllo, lo stesso risultava in possesso della somma di 200 euro in contanti, in banconote da 50 euro, nonché di due telefoni cellulari e di diverse chiavi per serrature. Seppure incensurato, le circostanze del controllo e le risposte evasive fornite alle domande dei militari, insospettivano i Carabinieri che, a quel punto, iniziavano una minuziosa attività di perquisizione nell’abitazione ed in altri locali di cui aveva la disponibilità. La pazienza e la capacità di analisi, anche attraverso accertamenti anagrafici e sistemi informatici, consentiva ai militari di individuare la “serratura” giusta per una delle chiavi portate addosso dal 35enne. Girato il chiavistello, infatti, veniva aperta la saracinesca di un garage di via Pietro 1° Normanno e, una volta all’interno, la felice intuizione dei militari operanti veniva ripagata. Occultati in un intercapedine, all’interno di un bustone, venivano trovati 5 involucri in cellophane contenenti, ognuno, pietre di cocaina purissima, per un peso lordo complessivo di oltre 300 grammi. Per l’incensurato scattavano così le manette e, su disposizione della competente A.G. veniva associato presso la Casa Circondariale di Trani (BT), dovendo rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

BARLETTA (BT). LOTTA ALLO SPACCIO IN CITTÀ. ARRESTATI DAI CARABINIERI TRE PUSHER IN DIVERSE OPERAZIONI 

Continuano senza sosta le operazioni di controllo del territorio condotte dal personale dell’Arma della Compagnia di Barletta. Tre pusher sono stati arrestati per detenzione ai fini di spaccio, risultato di una mirata attività investigativa condotta dai Carabinieri negli ultimi giorni finalizzata al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti. Nello specifico in una prima operazione veniva arrestato L.C.D., 29enne di Barletta. A casa dello stesso veniva effettuata un’accurata perquisizione domiciliare che permetteva di rinvenire 24 dosi già confezionate di sostanza del tipo cocaina, pronte per essere smerciate, nonché il materiale per il confezionamento, denaro contante provento dell’attività di spaccio e un bilancino. Il giovane dopo le formalità di rito è stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. In una seconda operazione veniva tratto in arresto S. G. 39enne. Nell’abitazione dello stesso a seguito di perquisizione veniva rinvenuta, abilmente occultata all’ interno di una busta in plastica sotto ad un scaffale, in un ripostiglio, sostanza del tipo marijuana del peso complessivo di grammi 71 pronta per essere smerciata. S.G che già si trovava sottoposto alla misura restrittiva dell’obbligo di dimora, a seguito dell’arresto operato dai Carabinieri per il medesimo reato, su disposizione dell’A.G., veniva tradotto presso Casa Circondariale di Trani. La terza operazione ha portato all’arresto di L. D. 19enne di Barletta. Anche in questo caso a seguito di servizio di osservazione il soggetto veniva bloccato rinvenendogli addosso 5 bustine in cellophane contenenti sostanza del tipo cocaina e la somma di 372 euro ritenuta il provento dell’attività di spaccio. Il giovane dopo le formalità di rito è stato sottoposto agli arresti domiciliari. 

POLIGNANO A MARE (BA): CONTROLLO STRAORDINARIO DEL TERRITORIO DEL CARABINIERI. ARRESTATO UN 32ENNE PER DROGA, 16 SEGNALATI E DIVERSE CONTRAVVENZIONI AL C.D.S. ELEVATE, FRA LE QUALI GUIDA DUE IN STATO DI EBBREZZA ALCOLICA E TRE PER GUIDA DISTRATTA DALL’USO DEL CELLULARE 

I Carabinieri della Compagnia di Monopoli (BA), nel corso di un servizio straordinario di controllo del territorio, pianificato su Polignano a Mare, finalizzato alla prevenzione e repressione di reati in genere, hanno arrestato una persona per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e segnalato 16 assuntori al competente U.T.G. – Prefettura di Bari. Ieri sera, i militari della Compagnia di Monopoli, con l’ausilio di un elicottero del 6° Elinucleo di Bari, hanno eseguito una serie di posti di controllo e di perquisizioni nella località marittima barese. In particolare, nel corso di una perquisizione hanno arrestato un 32enne del luogo, nella cui abitazione sono stati rinvenuti circa 40 grammi di eroina, parte dei quali già confezionati in dosi pronte per essere smerciate, circa 200 euro in contanti, nonché un bilancino di precisione e materiale vario per il confezionamento. L’uomo, che circa tre settimane fa era già stato arrestato dagli stessi Carabinieri per il medesimo reato, al termine delle formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa del giudizio per direttissima. 36 le autovetture controllate dai Carabinieri e 49 le persone identificate. Sono state elevate 8 contravvenzioni al codice della strada tra le quali due per guida in stato di ebbrezza alcolica; una per mancata copertura assicurativa e tre per guida distratta dall’uso del telefono cellulare. A carico delle 16 le persone segnalate alla Prefettura, quali assuntori di sostanze stupefacenti, sono stati complessivamente sequestrati 8 grammi di marijuana e 7 di hashish.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento