Ultim'Ora

Taranto. Assolto l’ex-segretario del Vescovo Benigno Papa

Benigno Papa. (foto web) ndr.
di Daniele Lo Cascio

TARANTO, 30 NOV. - E’ stato assolto in secondo grado dall’imputazione di favoreggiamento personale dei signori Archinà e Liberti, nel processo “Ambiente svenduto”, perché il fatto non sussiste, monsignor Marco Gerardo presbiterio dell’arcidiocesi di Taranto, ex-segretario del Vescovo Benigno Papa coinvolto nel processo “Ambiente svenduto”. La Corte d'assise d'appello (presidente De Scisciolo, a latere De Felice e sei giudici popolari) ha assolto con formula piena, "perché il fatto non sussiste", il sacerdote che era stato condannato in primo grado (con rito abbreviato) a 10 mesi di reclusione per favoreggiamento, nell'ambito del processo per il presunto disastro ambientale causato dall'Ilva. Pena ridotta a un anno di reclusione per l'ex consulente della Procura ionica Roberto Primerano (3 anni e 4 mesi in primo grado) che rispondeva di due ipotesi di falso ideologico, una delle quali - risalente al 2009, mentre l'altra è del 2010 - è stata dichiarata prescritta. Confermata, invece, nei suoi confronti l'assoluzione dalle accuse di disastro doloso in concorso e avvelenamento in concorso di acque o di sostanze alimentari, per le quali il pubblico ministero aveva proposto appello. Revocata, infine, l'interdizione dai pubblici uffici. L’attuale Arcivescovo di Taranto monsignor Filippo per il tramite del suo Portavoce Don Emanuele Ferro ha espresso viva soddisfazione argomentando che “questa sentenza è motivo di serenità per questa Chiesa e per il sacerdote che in questi anni è stato al centro di una durissima prova personale, non solo per le accuse, oggi chiaramente giudicate improprie, ma per l’inesorabile macchina del fango che ha cercato sempre di travolgere lui e di coinvolgere l’intera comunità diocesana”. 

lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento