Ultim'Ora

Politica. Monte Sant'Angelo, aumento della TARI. I 5 Stelle "Cambiano le amministrazioni ma non CAMBIAMONTE"

Monte in Movimento, il logo (foto web) ndr.
di Redazione

MONTE SANT'ANGELO (FG), 31 MAR. (Com. St.)
- Di seguito pubblichiamo un comunicato stampa del Meet-Up 5 Stelle "Monte in MoVimento" di Monte Sant’Angelo in merito all’aumento della TARI, la tassa sui rifiuti ovvero la nuova imposta comunale istituita con la legge di stabilità 2014, dapprima annunciata dal Sindaco del centro garganico, Pierpaolo d’Arienzo, poi applicata. Ovviamente la redazione è sempre in attesa di un comunicato di risposta, non ancora pervenuto, cui saremo lieti di pubblicare. 



Cambiano le amministrazioni ma non CAMBIAMONTE
Nella seduta del Consiglio Comunale del 27 marzo u.s., la maggioranza guidata dal sindaco D’Arienzo, ha approvato l’aumento della tassa sui rifiuti (TARI).
Dato che le casse comunali sono vuote,bisogna prelevare dalle tasche dei montanari circa 2,8 milioni di euro. Così, rispetto all’anno scorso, ogni commerciante e artigiano pagherà più 9%, mentre tutti gli altri cittadini più 11%.
Il compito di dimostrare la necessità dell’aumento delle tasse è stato affidato all’assessore Generoso Rignanese che, smarrito tra numeri e percentuali, ha solo cercato di nascondere che la vicenda smaltimento dei rifiuti contiene verità scomode.
Nemmeno le forze di opposizione, o presunte tali, hanno avuto il coraggio di far emergere la verità. Forse perché alcuni di loro hanno precise responsabilità se la nostra città si trova ad affrontare questo problema.
Sia chiaro, non è nostra intenzione aizzare i cittadini contro nessuno o spingerli a qualche forma di protesta. Riteniamo, piuttosto, che tutti hanno il diritto di sapere i motivi reali che hanno portato all’aumento delle tasse. Il silenzio generale di chi in questi anni è stato una volta maggioranza e l’altra opposizione è davvero imbarazzante e anche un po’ sospetto.
Allora proviamo a scavare nella melma degli argomenti che non si possono dire. 1. Con quali soldi si è pagato fino ad oggi la Tecneco Servizi Generali S.r.l.? È stato legittimo farlo o qualcuno si dovrebbe assumere la responsabilità di aver speso soldi che non poteva? 2. Il contratto stipulato nel 2011 con Tecneco Servizi Generali S.r.l. è completamente legittimo o è stato scritto per essere a totale svantaggio dei cittadini?
3. Come mai tutti i guadagni (oltre 200.000 euro all’anno) derivati dalla raccolta differenziata che fanno diligentemente i montanari finiscono nelle casse dellaTecneco Servizi Generali S.r.l.? 4. Ricordiamo che grazie allo svolgimento della gara di appalto, di cui la Tecneco fu vincitrice, 3 dirigenti comunali ricevettero come regalo ben 50 mila euro. Dopo qualche anno, furono costretti a restituirli perché incassati in modo illegittimo. Siamo sicuri che questa sia l’unica cosa illegittima di questa vicenda?
5. Perché la giunta Ciliberti, di cui Ferosi era vice sindaco, non ha vigilato come doveva quando è stato fatto questo bando di gara?
6. Perché oggi maggioranza e minoranza si mostrano così cordialmente in sintonia e non hanno il coraggio di raccontare la verità ai cittadini?
Qualcuno in consiglio comunale ha sostenuto che “…a telecamere accese, certe cose non si possono dire”. Che vergogna!
La cultura della legalità non va solo sbandierata, va praticata!
Abbiamo il sospetto che nelle risposte a queste domande si potrebbe trovare il modo per evitare questo aumento esorbitante delle tasse per i montanari. Ma, a quanto pare, le forze di maggioranza e di opposizione hanno deciso di tenere la pentola ben coperta e la sorpresa nell’uovo di Pasqua presto arriverà nelle case di tutti i cittadini.

AUGURI DI BUONA PASQUA



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento