Ultim'Ora

44º Festival della Valle d’Itria: al via il ciclo Novecento e oltre con Gatta canta, gatto danza

Orazio Sciortino (foto Festival) ndr.
di Daniele Lo Cascio

MARTINA FRANCA (TA), 16 LUG. – È iniziato sabato scorso con Gatta canta, gatto danza il ciclo Novecento e oltre, ciclo quest’anno dedicato a celebrare il 150º anniversario della morte di Gioachino Rossini. Cuore del concerto l’opera contemporanea Gattomachia del giovane pianista e compositore siracusano Orazio Sciortino, una fiaba musicale per narratore, violino concertante ed archi ispirata all’omonimo poemetto epico burlesco scritto da Lope de Vega nel 1634 e andato in scena recentemente al Teatro alla Scala in prima esecuzione assoluta. «Ho concepito la partitura de La Gattomachia – ci dice Orazio Sciortino che per l’occasione ha diretto l’Orchestra ICO della Magna Grecia – - come un vero e proprio laboratorio, una “wunderkammer” o scatola delle meraviglie, fatta di oggetti sonori, gesti strumentali, effetti timbrici, che l’ascoltatore è libero di trasformare e interpretare, come dei giocattoli da scoprire. Così un accordo, una dissonanza, una certa linea melodica appena accennata in quel dato momento della
Mauro Lamatia (foto Festival)
narrazione, può diventare luogo della memoria, pretesto per un viaggio all’interno di se stessi e del proprio vissuto, reale o presunto. Il lavoro, pur essendo pensato in un’unica arcata formale, è caratterizzato da undici brevi sezioni, costruite su uno stesso materiale compositivo continuamente reinterpretato. Si tratta, al tempo stesso, di un vero e proprio doppio concerto, nel quale sia la voce narrante, sia il violino solista, svolgono un ruolo concertante in relazione al resto degli archi
». Protagonisti vocali della serata sono stati per Gattomachia l’attore Mauro Lamantia, e il baritono pugliese Domenico Colaianni per la seconda parte del programma che prevedeva: Un mot à Paganini di Rossini (versione per violino e orchestra di Sciortino), la Sinfonia de L’Italiana in Algeri e celebri arie rossiniane come “Medaglie incomparabili” (Il viaggio a Reims), "Sia qualunque delle figlie" (La Cenerentola) e “Co’ ‘sta grazia e ‘sta portata” (La gazzetta). Un’opera nuova dunque che si colloca in quel secondo binario percorso dal Festival rappresentato dalla valorizzazione delle novità della cultura musicale contemporanea, un divertissement sostanzialmente riuscito con la voce narrante e accattivante di Mauro Lamantia, il violino solista di Riccardo Zamuner,
Riccardo Zamuner (foto Festival) ndr.
l’orchestra di soli archi, tutti volti a rappresentare sonorità, stati d’animo (gelosie, fusa, diffidenza) che si è soliti attribuire ai felini.

Il concerto sarà replicato a Matera (26 luglio, ore 21 – Corte dell’ex Ospedale San Rocco), a Cisternino (27 luglio, ore 21 – Teatro Paolo Grassi) e a Ceglie Messapica (28 luglio, ore 21 - Atrio del Castello).











lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento