Ultim'Ora

Cronaca. Le ultime azioni delle Forze dell'Ordine della Capitanata

Forze dell'Ordine (foto web) ndr.
di Redazione

FOGGIA, 06 OTT. - Di seguito si riportano i comunicati stampa ella Forze dell'Ordine della Provincia di Foggia

CERIGNOLA: INCENSURATO DEL POSTO ARRESTATO PER UNA PIANTAGIONE CASALINGA DI MARIJUANA.
Giovedì sera i Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile del NORM della Compagnia Carabinieri di Cerignola, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione dei reati in genere, hanno tratto in arresto per  produzione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti  l'incensurato cerignolano SETTANNI GAETANO, cl. '77.
I militari, che già avevano avuto motivo di sospettare che il SETTANNI fosse coinvolto in un qualche "giro" di stupefacenti, a seguito di una perquisizione d’iniziativa hanno rinvenuto sul terrazzo della sua abitazione 19 piante di marijuana, in piena inflorescenza e ben riparate da sguardi indiscreti da un tendone, che ne impediva la vista dall’esterno.
 L’altezza media delle piante era di 80 cm. circa e, in base alla quantità di principio attivo presente, il Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale ha dedotto che, stando alle tabelle ministeriali, si sarebbero potute ottenere circa 1.120 dosi che, vendute al dettaglio, avrebbero procurato un profitto di circa 2000 euro.
Il SETTANNI, al termine della compilazione degli atti relativi al suo arresto, è stato tradotto agli arresti domiciliari presso propria abitazione, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

CERIGNOLA: POLIZIA DI STATO ARRESTA CERIGNOLANO SU ORDINE DI ESECUZIONE PER LA CARCERAZIONE
In data di ieri,  Agenti della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di Cerignola hanno tratto in arresto DIREDA Carlo classe 1973, su ordine di esecuzione per la carcerazione emesso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia.
Il DIREDA mentre si trovava in affidamento ai servizi sociali, nell’Agosto scorso venne controllato presso un circolo ricreativo dagli Agenti del predetto Commissariato,  in violazione alle prescrizioni imposte dal Tribunale.
In seguito a tale segnalazione, il giudice di Sorveglianza ha revocato la pena in regime alternativo e stabilito la custodia in carcere per un residuo di pena di mesi 3 e 14 giorni, per il reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

SAN GIOVANNI ROTONDO: INCENSURATO DEL POSTO, MA GIA' SOSPETTATO DI PRATICARE L'ILLECITA ATTIVITA', E' STATO ARRESTATO PER DETENZIONE A FINI DI SPACCIO DI STUPEFACENTE.
Mercoledi mattina i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Rotondo hanno arrestato in flagranza di reato CARBONELLI Giovanni, 33enne incensurato del posto, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
I militari, nel corso di un servizio a largo raggio che ha visto impiegato anche personale delle Stazioni di San Giovanni Rotondo e di San Marco in Lamis, hanno eseguito diverse perquisizioni personali e domiciliari nei confronti altrettanti soggetti di San Giovanni Rotondo ritenuti dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso di una di queste perquisizioni, nell'abitazione dell’arrestato, una mansarda del centro, i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato circa un etto di marijuana, oltre a due piantine della medesima sostanza, un bilancino di precisione e la somma contante di 150 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio.
Il CARBONELLI alla vista dei Carabinieri aveva tentato di disfarsi di parte della sostanza illecita e del bilancino di precisione, che sono poi stati recuperati sul tetto, sul quale li aveva lanciati attraverso il lucernaio del bagno. Al termine della perquisizione, estesa anche alla sua autovettura, è stata recuperata e sequestrata anche altra sostanza dello stesso tipo, conservata in una sacca sotto ad un sedile del mezzo, mentre sul balcone sono state trovate le due piantine.
Le analisi chimiche sul THC, eseguite dal personale del Laboratorio Analisi Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale di Foggia, hanno permesso di accertare che dalla sostanza stupefacente sequestrata sarebbe stato possibile ricavare, secondo le tabelle ministeriali, ben 357 dosi.
L’arrestato, su disposizione della Procura della Repubblica di Foggia, è stato sottoposto agli arresti domiciliari presso la stessa abitazione.

SAN SEVERO: POLIZIA DI STATO ARRESTA GIOVANE PER DETENZIONE DI STUPEFACENTI AI FINI DI SPACCIO.
In data di ieri,  Agenti della Polizia di Stato del Commissariato di P.S. di San Severo hanno tratto in arresto CESAREO Armando classe 1997, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Nell’ambito di un’attività info investigativa finalizzata a contrastare il fenomeno dello spaccio di stupefacenti, gli Agenti effettuavano servizi di osservazione nella zona prospicente la scuola elementare in via Verdi.
Nelle ore serali gli investigatori  notavano un andirivieni di giovani in  un portone ivi ubicato. Nella stessa circostanza gli Agenti intervenivano per un controllo e in un vano del sottoscala, di pertinenza dell’abitazione di CESAREO Armando avevano modo  di rinvenire in presenza del predetto, un bilancino di precisione, un coltello intriso di sostanza stupefacenti, oltre 10 gr. di sostanza stupefacente tipo hashish.
La perquisizione estesa anche all’abitazione del CESAREO, consentiva di rinvenire altra sostanza stupefacente. In un barattolo di crema di cioccolato custodito nella credenza vi erano nascosti  due panetti di hashish, per un peso di 150 gr. , oltre a 5 gr. di sostanza tipo cocaina.
Tutto il materiale veniva sequestrato, mentre l’arrestato, ultimate le incombenze di rito veniva associato presso la locale Casa Circondariale di Foggia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento