Ultim'Ora

Teatro. Al Kismet sul palcoscenico “Schiaparelli Life”, grande interpretazione di Nunzia Antonino

Una immagine dello spettacolo. (foto M.C.) ndr.

di Maria Caravella

BARI, 19 MAR. - Continua con grande successo di pubblico, la programmazione della rassegna del Teatro pubblico pugliese al Teatro Kismet, con la talentuosa Nunzia Antonino, che ancora una volta è riuscita con estro creativo e buone capacità recitative a dare vita sulla scena ad un altro importante personaggio femminile, nella pièce “Schiaparelli Life” di Eleonora Mazzoni e Carlo Bruni, regia di Carlo Bruni. La Antonino, interpreta sulla scena Elsa Schiaparelli vissuta tra il 1890 e il 1973, una grande stilista italiana e una delle più influenti figure nella moda del Novecento. Lo spettacolo Schiaparelli Life, ferma l’esistenza di Elsa Schiaparelli nell’ultimo periodo della sua vita, quando, chiusa la maison, è impegnata nel redigere la sua autobiografia. La performance traendo spunto da episodi reali che mettono in relazione Elsa con un fantomatico “maggiordomo”, impegnato nell’assisterla con un ruolo polivalente, compreso quello di amato confidente, svela molte delle verità sulla vita di questo personaggio noto nel mondo della moda e non solo. Si tratta però di un rapporto quasi surreale, da molti immaginato come la compagnia forse soltanto di un fantasma o di una proiezione della solitudine. Nunzia Antonino è Elsa Schiaparelli in un monologo, che ripercorre la vita della grande stilista, quando, nel periodo tra le due guerre mondiali, stava vivendo un momento magico in cui aveva la sensazione che tutto potesse realizzarsi unicamente con l’ausilio del talento e l'impegno per vivere libera e felice. Vengono raccontati i suoi successi professionali, le sue creazioni, la sua arte, la sua idea di bellezza, ma anche l’impegno dell’inizio, il prezzo pagato per l’ambita emancipazione e le sue scelte dolorose. Come quando abbandonata dal marito mentre era ancora incinta, fece crescere la sua unica figlia poliomielitica, lontana da sé in famosi collegi, accettando lunghe separazioni per poter continuare a lavorare. Uno spettacolo carico di pathos e grande umanità, sostenuto da Nunzia Antonino in modo brillante tanto da realizzare il sold out per tutte le serate.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento