Ultim'Ora

Gargano, nuove buone contro la lotta alla mafia. Arrestate due persone per l’omicidio Silvestri consumato a Monte Sant’Angelo

Mappatura 2017 mafia nel foggiano (fonte DIA) ndr.
di Redazione

MONTE SANT'ANGELO (FG), 18 APR. -  (fonte: Redazione ©NOCPress all rights reserved) L’indagine è proseguita, senza sosta. Gli inquirenti della DDA e dei Carabinieri di Foggia, alacremente, hanno lavorato per dare dei nomi a chi il 21 marzo di due anni fa, nel 2017, ammazzarono un noto pregiudicato di Monte Sant’Angelo.

Stiamo parlando dell’allora 44enne Giuseppe Silvestri, crivellato al volto e al torace lungo la via Estramurale mentre stava guidando la sua auto, una Fiat Doblò, alle prime ore dell’alba. Giuseppe, per la cronaca, era figlio di Pasquale e meglio conosciuto come “l’Apicanese”, anch’egli morto ammazzato in un agguato, sempre a Monte Sant’Angelo, esattamente diciassette anni prima del figlio, il 21 marzo 2000. Una coincidenza, quella di Giuseppe, probabilmente voluta dai suoi sicari.

L’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Bari, riguarda due noti pregiudicati, sempre di Monte Sant’Angelo. Dalle indiscrezioni ottenute, uno sarebbe Matteo Lombardi, classe 1961, appartenente al clan montanaro dei  “Li Bergolis”, ora residente a Siponto. L’accusa sarebbe omicidio aggravato dalla finalità mafiosa. L’altro, cui avremo le generalità domani durante una conferenza stampa, è accusato di favoreggiamento.

Difatti maggiori informazioni saranno fornite durante la conferenza stampa che si terrà presso la Procura della Repubblica di Bari – Direzione Distrettuale Antimafia, giovedì 18 aprile 2019 alle ore 9, alla presenza del Procuratore Giuseppe Volpe e del Comandante Provinciale dei Carabinieri di Foggia, Colonnello Marco Aquilio.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento