Ultim'Ora

Bisceglie (Bat). Risplende la nuova sala consiliare

La nuova sala consiliare. (foto N. Losapio) ndr.

di Nicola Losapio

BISCEGLIE (BT), 31 MAG. - Dopo un radicale intervento strutturale, riapre la sala consiliare  Giovedì 30 Maggio, per le istituzioni di Bisceglie, è stata una giornata veramente particolare. Dopo 7 anni di restauro, la sala consiliare ubicata al secondo piano dello storico palazzo San Domenico, è stata infatti riaperta, dopo la chiusura obbligata nel 2012, per una dichiarazione di inagibilità del primo piano. Per un miglioramento sismico, la sala è stata restaurata con un intervento radicale, alle tramezzature interne, oltre ad un intervento di recupero dei prospetti, rispettando ovviamente le direttive delle autorità dei beni culturali, quindi lo stile architettonico e strutturale. Nulla è stato proferito circa l’installazione di  eventuali nuove modernizzazioni tecnologiche, per favorire la visualizzazione delle sedute online e per le votazioni dell’assemblea.      All’inaugurazione erano presenti le autorità civili, militari, religiose, di rappresentanza d’associazione, e politiche anche degli ultimi sindaci della città: Francesco Spina, Lulù Del Monaco, Dino Cozzoli, Domenico Ricchiuti, Francesco Napoletano e Vittorio Fata. La cerimonia, ha avuto inizio, con un minuto di raccoglimento in ricordo del Prof. Giovanni Patruno, sindaco nel 1993 e scomparso lo scorso 10 Maggio a.c. E’ seguita la benedizione del vicario Mons. Franco Lorusso, e poi, le emozionanti note dell’inno di Mameli, scandite da un violino, da un flauto, e da un clarinetto, di un’eccellente trio di musica classica, formato da Luigi Vania, Pietro Doronzo e Giacomo Piepoli.    La cerimonia, è proseguita con il primo intervento del presidente del consiglio comunale Gianni Casella: “ Sono particolarmente emozionato; non ho voluto predisporre, né scrivere alcun discorso,  vi parlerò con il cuore” ed ha sintetizzato, dicendo che questa splendida sala, è la casa dei cittadini, un luogo di famiglia, dove dobbiamo discutere e crescere insieme, anche con scontri duri, ma costruttivi. Un intervento di compiacimento è giunto anche da parte del consigliere regionale Caracciolo, delegato dal presidente Emiliano e in rappresentanza della regione Puglia, così come da Pierpaolo Pedone rappresentante della provincia Bat.  Nel corso della cerimonia, non è mancato un’interessante approfondimento tecnico e storico da parte dell’architetto Angela De Feudis, un rappresentante dello studio di ingegneria che ha realizzato l’ammodernamento. In fine poi, è toccato al Sindaco Angelantonio Angarano, racchiudere il tutto, con fragorosi ringraziamenti agli uffici e ai presenti: sono molto soddisfatto di questo traguardo, e che sia stata restituita alla città, la sala più rappresentativa della nostra comunità. 



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento