Ultim'Ora

Foggia. Morte Capozzi Simone. La Polizia Stradale arresta uno dei due stranieri alla guida dell’auto per omicidio stradale

L'incidente (foto ANSA) ndr.
di Redazione

FOGGIA, 11 GIU. (Com. St.)
- Alle ore 13,30 del 08.06.2019, una pattuglia del Distaccamento di Polizia Stradale di San Severo interveniva al km 172 della SS 89 in agro del Comune di Manfredonia per un incidente stradale con esito mortale.

Sul posto rilevava la presenza di nr. 2 veicoli incidentati con i rispettivi occupanti, un’ autovettura FIAT PUNTO con targa rumena e condotta da COJOCARU Adrian Ionut nato a Valenii de Munte (Romania) il 17.01.1995, residente a Posesti (Romania) munito di patente rumena, attualmente in Italia per lavoro per conto di una ditta (REFRACT DOB CONSTRUCT) con sede a Posesti (Romania) che in subappaltato stanno effettuando lavori presso la ditta SISECAM di Manfredonia, con a bordo un collega di lavoro tale DOBRE Traian Georgica nato a Posesti (Romania) il 07.11.1967 ed un Motociclo marca KAWASAKI condotto da CAPOZZI Simone nato a Foggia il 06.09.1989.

Quest’ultimo conducente, CAPOZZI Simone, giaceva esanime sul margine sinistro della carreggiata, rispetto alla direttrice di marcia Foggia – Manfredonia, a ridosso del guard-rail/ciglio erboso, in posizione trasversale all’asse stradale e con i piedi in prossimità della banchina, come da constatazione di decesso delle ore 12.20 a firma della dott.ssa PERNA Stefania.

Di quanto accaduto si portava a conoscenza il P.M. di turno presso la Procura del Tribunale di Foggia, dott.ssa Giuseppina GRAVINA, la quale disponeva l’invio sul posto della dott.ssa De Simone Stefania, della medicina legale di Foggia per l’ispezione e ricognizione cadaverica.

Dai rilievi dove emergevano gravi responsabilità a carico del conducente dell’autovettura FIAT PUNTO condotta da COJOCARU Adrian Ionut in relazione alla dinamica dell’incidente stradale, in quanto poneva in essere manovra di inversione ad “U”, al fine di invertire il proprio senso di marcia. Detta manovra è vietata su tale tipologia di strada, carreggiata a quattro corsie di marcia, due per ogni senso di marcia, divisa da doppia striscia continua di mezzeria, nonché per la presenza di un’area di svincolo.

Un testimone di quanto accaduto, in transito alla guida della propria autovettura al momento dell’incidente, e si è reso disponibile a rendere dichiarazioni.

I veicoli in questione venivano sottoposti a sequestro penale a disposizione dell’A.G. con affidamento in giudiziale custodia ad una ditta di Soccorso Stradale.

Al termine della prima ricostruzione della dinamica del sinistro e dell’accertata violazione alle norme comportamentali del codice della strada, si procedeva all’arresto, per omicidio stradale, di COJOCARU Adrian Ionut, motivato dal pericolo di fuga, in quanto l’arrestato si trova momentaneamente in Italia per motivi di lavoro, e potrebbe allontanarsi rendendosi irreperibile.

Si da atto che COJOCARU Adrian Ionut non comprendendo perfettamente la lingua italiana, veniva coadiuvato, in tutte le incombenze a proprio carico, dal concittadino e trasportato a bordo della FIAT PUNTO al momento del sinistro che parlava perfettamente la lingua italiana.

L’arresto è stato convalidato dal P.M. di turno presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia.

Il COJOCARU Adrian Ionut veniva sottoposto ai rilievi foto-dattiloscopici presso il Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica di Foggia, dove nessun precedente risultava a proprio carico ed alle ore 00.15 del 09.06.2019 veniva accompagnato presso la Casa Circondariale di Foggia a disposizione dell’A.G. competente.
FOCUS:
- Manfredonia, centauro foggiano muore sulla SS89. Impatto devastante con un'auto


lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento