Ultim'Ora

Sanità, Manca: “Esame genetico è una forma di prevenzione preziosa, bene mozione per esentare visite diagnostiche alle donne positive al test”

Genetica (foto web) ndr.
di Redazione 

BARI, 23 LUG. (Com. St.) - Il vicepresidente della Commissione Sanità e consigliere regionale di Direzione Italia, Luigi Manca, rimarca l’importanza della mozione dei colleghi Pellegrino e Turco.
“Come chirurgo senologo non solo ho votato la mozione presentata dai colleghi Paolo Pellegrino e Giuseppe Turco, ma intervengo per ribadire l’importanza della sollecitazione fatta alla Giunta regionale perché trovi nelle pieghe del Bilancio risorse economiche per attivare l’esenzione per donne con mutazione genetica BRCA1 e BRCA2 delle visite senologiche, l’ecografia mammaria e la mammografia e dai 25 anni in su anche il ticket per la risonanza magnetica e cui si aggiunge l’ecografia transvaginale ed il dosaggio CA125 per le donne oltre il trentesimo anno di età.

“Il tumore al seno è il carcinoma più frequente nelle donne per questo l’esame genetico può davvero essere una delle forme di prevenzione fra le più preziose per chi fa parte di famiglie dove la diagnosi si è presentata in maniera frequente. In caso di esame positivo ci sono donne che decidono di sottoporsi alla mastectomia pur in assenza di un tumore presente, ma che potrebbe presentarsi in futuro (il caso di Angelina Jolie qualche anno fa suscitò non poca curiosità), ma ci sono donne che decidono di non sottoporsi all’intervento e quindi è chiaro che per loro vanno assicurati controlli mammari più ravvicinati nel tempo e a carico del Sistema Sanitario Regionale. Michele Emiliano in qualità di assessore alla Sanità non perda tempo e si attivi immediatamente”.


lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento