Ultim'Ora

Bari. Un barese rapina 150mila euro a una banca austriaca e ritorna a Bari

La polizia arresta rapinatore all'estero (foto P.S.) ndr.
La Polizia lo rintraccia con 10mila euro in tasca e lo arresta

di Nicola Losapio

BARI, 9 AGO. - La Polizia di Stato di Bari con l’ausilio della Polizia austriaca la “Landes Polizei”, ha dato esecuzione a un ordine di cattura internazionale nei confronti di G.G., 31enne di Bari. La vicenda, una rapina nella filiale di una banca, la “Raoffeisen-Landesbank” messa a segno nella città di Innsbruck Capitale del Tirolo Austriaco nella mattinata dello scorso 31 Luglio. Le indagini mirate e condotte dall’Autorità Austriaca, hanno stabilito le responsabilità del 31enne, che col coltello alla mano, era entrato nella suddetta filiale e parlando in lingua inglese e tedesca aveva minacciato i cassieri costringendoli a consegnargli il denaro per una somma complessiva di 150mila euro per poi fuggire. Ma il giovane nel corso della sua fuga aveva preso anche un taxi e involontariamente si era fatto sfuggire numerose parole in italiano, una distrazione che gli è costata cara, infatti ha poi consentito agli inquirenti di appurare che si trattava di un rapinatore italiano, un indizio che ha spinto gli inquirenti austriaci supportati dalla Squadra Mobile di Bolzano a diramare le immagini della rapina agli Uffici Investigativi Italiani. E’ stata la Squadra Mobile di Bari, che analizzando e confrontando il materiale fotografico ricevuto dai colleghi austriaci con quello nei propri archivi, ha trovato riscontro e compatibilità con il pregiudicato G.G. già noto agli inquirenti. La Squadra Mobile di Bari, ha così avviato una ricerca del fuggitivo nei luoghi dove si sarebbe potuto nascondere e dopo estenuanti appostamenti è stato rintracciato e bloccato a Palese con 10mila euro in tasca, alcune mappe della città di Innsbruck e Salisburgo e un block notes con parole italiane tradotte in austriaco, tutti indizi inconfutabili della sua colpevolezza. L’uomo dopo le formalità del caso è finito in manette e associato alla Casa Circondariale di Bari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria con l’accusa di aver compiuto una rapina in banca. Sono in corso le indagini per individuare eventuali complici e la restante parte del bottino.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento