Ultim'Ora

Calcio. Il Foggia passa ai sedicesimi di Coppa Italia

Pasquale Iadaresta autore del terzo gol del Foggia (foto web) ndr
di Mario Schena

FOGIA, 25 SETT. - Il Foggia supera anche i trentaduesimi di Coppa Italia liquidando con un  perentorio tre a uno il Vastogirardi, squadra molisana. I rossoneri hanno eliminato il Brindisi nel turno preliminare ed il Nardò, mentre i gialloblù hanno avuto la meglio sul Cassino nell’unica partita finora disputata nel torneo. Primi venti minuti con un Foggia devastante che nette alle corde i gialloblù e va a segno due volte, all’undicesimo lancio lungo verso Iadaresta, sponda per Gentile che lascia partire un sinistro dal limite potente e preciso che non lascia scampo a Luglio. Dopo quattro minuti il Foggia raddoppia. Punizione battuta dalla sinistra da Campagna, Gentile prolunga la traiettoria e Salines infila il pallone in rete con un tocco sotto misura. Si gioca ad una porta ed i rossoneri sembrano avviati verso una goleada, ma il ritmo cala e si intravedono vecchi errori che al ventiduesimo portano gli ospiti ad accorciare le distanze lancio in profondità per Kyeremateng con Di Stasio che, prima è incerto nell’uscita e poi si posiziona male sul diagonale non irresistibile della punta del Vastogirardi.  Gioco confuso e falloso che lascia poco spazio allo spettacolo annoiando i pochi spettatori. Ripresa sullo stesso modello dei primi quarantacinque minuti, girandola di sostituzioni per dare spazio alle seconde linee e fiato ai titolari, soprattutto quello rossoneri che domenica dovranno affrontare il derby con il Cerignola. Il tempo scorre e si arriva al ventiquattresimo con il Foggia che chiude definitivamente la gara. Cross dalla sinistra di Di Jenno e colpo di testa, debole ma preciso, di Iadaresta che batte Luglio goffo nel tentativo di parata. Non accade più nulla di rilevamento e dopo quattro minuti di recupero si chiude la gara diretta da Leonardo Luca Mastrodomenico di Policoro coadiuvato da Domenico Russo di Torre Annunziata e Giuseppe Maiorino di Nocera Inferiore. Foggia ancora un cantiere e ancora privo di quella qualità tale da fare la differenza e consentire il salto di categoria.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento