Ultim'Ora

Foggia, bullismo e baby gang. Comitato Genitori per Foggia, dopo la raccolta firme nasce un tavolo tecnico del Comune

Baby gang e bulli in azione (foto web) ndr.
di Redazione

FOGGIA, 24 OTT. (Com. St.) - Nasce un tavolo tecnico per fronteggiare il problema delle baby gang. Un tavolo a cui, insieme ai tre assessorati pubblica istruzione, servizi sociali e legalità, siederà anche il Comitato genitori per Foggia.

Nella mattina di oggi, il Comitato genitori per Foggia è stato invitato dal sindaco Franco Landella che si è detto disponibile a collaborare alla risoluzione del problema delle baby gang, che da anni usano violenza contro minorenni e maggiorenni, mentre vandalizzano beni pubblici e privati.

All’incontro erano presenti oltre al sindaco e ad una delegazione del Comitato genitori per Foggia, il commissario superiore vicario della Polizia locale, Paolo Frattulino, il comandante della Polizia locale Romeo delle Noci, l’assessore alla pubblica istruzione Claudia Lioia, l’assessore alle politiche sociali Raffaella Vacca, l’assessore alla legalità e polizia locale Cinzia Carella.

L’istituzione comunale, nella persona dei suoi rappresentanti, ha spiegato le azioni già messe in atto per fronteggiare il bullismo, ed elogiato l’operato dei Genitori per Foggia che si oppone ad un’accettazione passiva della realtà che il primo cittadino ha chiamato ignavia.

“Ho già dialogato con la polizia locale riguardo l’ultimo episodio avvenuto in strada ad un adulto nostro concittadino. Nonostante quella delle telecamere sia una competenza soprattutto del ministero degli interni, noi abbiamo dirottato alcuni finanziamenti per potenziare la video sorveglianza, consapevoli del fatto che la nostra è una città difficile. Tanto che le telecamere del Comune sono il doppio di quelle del ministero”, ha detto Landella.

Il sindaco ha altresì parlato del prezioso ruolo della socializzazione di cui devono farsi attori i genitori e di recupero sociale.

Il comandante Frattulino, nel sottolineare il suo impegno che porta avanti da anni, ha però ricordato i numeri del suo organico. “Una città con il nostro numero di abitanti, dovrebbe avere poco più di 300 unità, mentre noi ne abbiamo solo 148. Di queste 148, 40 sono ancora in regime di part-time, e la metà dei 148 è della vecchia guardia, avendo circa 60 anni. Nonostante questo, la volontà ad operare c’è e noi lo facciamo al nostro meglio e con grande impegno”, ha concluso Frattulino.

Il tavolo tecnico che istituzionalizzerà gli incontri con cadenza mensile, si propone di lavorare su 2 fronti: da un lato la sicurezza, dall’altro gli affari sociali.

L’assessore Lioia ha parlato di pedagogia della genitorialità, mentre la Vacca di una generale carenza di organico.

“Occorre un inversione delle tendenze devianti”, ha affermato Delle Noci. “Serve una inversione di cultura che cominci dallo stabilire orari di uscita ai ragazzini e finisca con l’imposizione di un uso limitato delle consolle. La famiglia deve farsi sentire esercitando il suo importantissimo ruolo”.

per contatti: comitatogenitoriperfoggia@gmail.com



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento