Ultim'Ora

Salute. Importanti novità sulla cura del carcinoma gastrico - Al Work Shop del 5 e 6 dicembre dell'oncologico di Bari

Dott. Michele Simone. (foto com.) ndr.
Michele Simone:” cure di ultima generazione e nuove metodiche chirurgiche consentono risultati confortanti”


di Antonella Daloisio

BARI, 27 NOV. -  Un panel di specialisti italiani per un approccio multidisciplinare al trattamento del carcinoma gastrico. Prende il via il 5 e 6 dicembre il VI Workshop sull’argomento, presieduto da Michele Simone, direttore del reparto di chirurgia generale ad indirizzo oncologico dell’IRCCS, in programma a Bari nella Sala Convegni dell’ Istituto Oncologico Giovanni Paolo II. “Queste due intense giornate –spiega Simone – hanno come obiettivo quello di offrire un inquadramento generale delle problematiche correlate alla diagnosi e al trattamento oncologico e chirurgico dei tumori dello stomaco per favorire, attraverso una discussione multidisciplinare, l’applicazione nella pratica quotidiana di principi e procedure delle ultime e più innovative linee guida”.   “Il cancro dello stomaco –continua il direttore – ancora oggi, nella maggior parte dei casi, è diagnosticato in stadio avanzato. Negli ultimi anni, però, il successo delle cure di nuova tecnologia e il progressivo miglioramento dei risultati chirurgici hanno lasciato spazio a un nuovo e positivo approccio al problema, soprattutto se la gestione del paziente viene affrontata con una visione multi specialistica. Per questo motivo, tratteremo l’argomento sotto tutti gli aspetti, confrontandoci anche sugli ultimi aggiornamenti sul tema”. Il carcinoma gastrico e della giunzione esofagea rappresenta la quinta forma di cancro più comune al mondo e la terza principale causa di morte per cancro. 

Nell'Unione europea, il cancro allo stomaco non è particolarmente diffuso; si stima che il numero totale di nuovi casi diagnosticati negli ultimi anni in Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito sia stato di circa 50.000 individui. Una patologia che si sviluppa lentamente, di solito nel corso di molti anni e spesso passa inosservata. “Circa il 90% dei carcinomi gastrici, così come quelli dell’esofago – chiarisce Michele Simone - è classificato istologicamente come adenocarcinoma. Fino ad oggi l’approccio terapeutico per questo tipo di cancro è stato abbastanza limitato. L’arrivo del ramucirumab, oggi consente di tracciare per le cure un nuovo percorso con orizzonti più rosei, impensabili fino a poco tempo fa. Cosa che permette ai pazienti un chiaro vantaggio in termini di sopravvivenza e il mantenimento di una buona qualità della vita”. L’Update nel trattamento multidisciplinare del carcinoma gastrico sarà aperto alle 10 di giovedì 5 dicembre dai saluti del direttore generale dell’IRCCS, Antonio Delvino, del direttore scientifico Angelo Paradiso, del presidente S.I.C.O. Alessandro Gronchi e del presidente del convegno, Michele Simone. La prima sessione del workshop sarà interamente incentrata sul paziente, poiché prenderà in esame la rete oncologica pugliese, nata per consentire una sanità omogenea su tutto il territorio regionale ed eliminare così i dislivelli. Si parlerà anche dei percorsi diagnostici terapeutici e assistenziali e del ruolo del volontariato. 

Presidente Franco Lavalle, vice presidente OMCeO di Bari; moderatori, Lucia Bisceglia e Antonia Pece. La seconda sessione sarà dedicata al work up pre operatorio: dalla genetica alla istopatologia, all’imaging, e presieduta da Giuseppe Rubini. Moderatori, Antonio Stabile Ianora e Francesco Zito. La terza sarà l’occasione per analizzare in concreto il ruolo del team multidisciplinare per un miglior raggiungimento dei risultati. Presidente Nicola Brienza, moderatori Eugenio Canniello e Giuseppe Caravetta. I lavori riprenderanno venerdì 6 dicembre, alle 8,45, con la quarta sessione, che si occuperà di management multimodale del cancro gastrico. Presidente, Vito Lorusso; moderatori Geny Palmiotti e e Alba Fiorentino. Al termine, una lettura magistrale di Giovanni de Manzoni dal tema “La chirurgia per cancro gastrico nel 2020 tra standardizzazione della tecnica e personalizzazione delle indicazioni”. Nella quinta sessione si discuterà del trattamento chirurgico del cancro gastrico senza tralasciare l’approccio robotico sul campo operatorio. Presieduta da Mario Testini e moderata da Sandro Besozzi, Dionigi Lorusso e Fausto Tricarico sarà seguita da una lettura di Cristiano Huscher su “tips and tricks for laparoscopic gastric surgery”. Si continuerà a parlare di trattamento chirurgico del cancro gastrico anche nella sesta sessione presieduta da Giovanni de Manzoni e Cristiano Huscher. Moderatori, Angela Pezzolla e Michele Simone. 

Alla prevenzione e al trattamento delle complicanze trattate dal punto di vista multidisciplinare è riservata la settima e ultima sessione presieduta da Fausto Tricarico e moderata da Corrado Manca ed Eustacchio Ruggieri. Al work shop sono stati riconosciuti 20 crediti formativi.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento