Ultim'Ora

"Vengo anch'io...No, tu no", il MeetUp di Monte Sant'Angelo interroga l'Amm.ne comunale

Il logo del MeetUp (foto in allegato) ndr.
di Redazione

MONTE SANT'ANGELO (FG), 06 NOV. (Com. St.) - "In questi giorni alcune testate giornalistiche stanno trattando il caso dei Cera , padre e figlio, posti agli arresti domiciliari perchè sarebbero coinvolti in presunti reati legati alla loro posizione politica. Dalla stampa apprendiamo che i Cera avrebbero favorito persone a loro vicine attraverso la distribuzione di incarichi dirigenziali e posti di lavoro .
Nella vicenda sembrerebbero coinvolti anche l'assessore regionale Piemontese e alcuni politici della nostra città, come i fratelli Fusilli. Uno scenario che, se confermato, aprirebbe una crisi politica devastante per molte comunità. Anche per lo scioglimento di Manfredonia, voci ed indiscrezioni, farebbero intendere che politici montanari di maggioranza ed opposizione sarebbero citati nella relazione prefettizia. Qualora le vicende descritte dalla stampa fossero confermate, tutte le assunzioni avvenute alla Turati di Vieste, nonché quelle presso varie strutture socio sanitarie di Monte e comuni limitrofi, senza dimenticare quelle presso la ASL, le ultime presso la Manfredonia Vetro, che potrebbero essere riconducibili a qualche consigliere o assessore comunale, pur non avendo nulla di apparentemente illegale, apparirebbero quantomeno inopportune e andrebbero chiarite. Se c'è qualche illecito non basterà nascondere tutto sotto un manto di asfalto o di blocchetti di leucitite.
La casa di vetro tanto decantata sta diventando sepre più opaca.
Il Meetup Monte In Movimento chiede un intervento dell'intero Consiglio Comunale allo scopo di chiarire le circostanze riportate dalle varie testate giornalistiche e a garanzia dell'onorabilità morale e politica della nostra città."
 
Comunicato stampa MeetUp Monte in Movimento



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento