Ultim'Ora

Foggia, inizio 2020 col botto. Omicidio D'Angelo Roberto. La Procura avvia le indagini

Il luogo dell'omicidio (foto copyright ©NOCPress All rights reserved) ndr.
di Redazione

FOGGIA, 03 GEN. (Com. St.) - Sono in pieno svolgimento le indagini relative all’omicidio di Roberto D’Angelo, 53 anni, detto “Scipione”, assassinato con alcuni colpi d’arma da fuoco poco prima delle ore 21,30 di ieri sera in viale Candelaro.
La vittima viaggiava da solo a fordo di una “Fiat 500 L” di colore bianco quando, percorrendo Viale Candelaro, è stata affiancata da una moto i cui passeggeri hanno esploso alcuni colpi di pistola al suo indirizzo, colpendolo al capo ed alla spalla.
Quando sono sopraggiunte le pattuglie della Questura, l’auto della vittima era accostata al marciapiede, con il motore e le luci accese e il finestrino anteriore sinistro in frantumi.
Subito dopo gli spari, il veicolo è andato ad impattare con un’altra autovettura parcheggiata dinanzi.
Il corpo dell’uomo si presentava accasciato sul flanco destro, con il busto riverso sul sedile del passeggero.
Sullo stesso erano visibili una ferita d’arma da fuoco all’altezza dello zigomo sinistro e la perdita di sostanza ematica dietro la testa.
I poliziotti intervenuti si avvedevano che D’Angelo dava ancora flebili segni di vita in quanto muoveva leggermente ii capo. Pertanto, il personale sanitario, prontamente sopraggiunto sul posto, provvedeva a trasferire il corpo dell’uomo su un’ambulanza dove, tuttavia, ne veniva constatato il decesso.
La vittima si occupava di commercializzazione di autoveicoli ed annoverava piccoli precedenti per reati contro il patrimonio risalenti nel tempo. Nel 2016 venne fatto oggetto di un’intimidazione i cui presunti responsabili sono attualmente sotto processo.
Sul luogo sono intervenuti ii Sostituto Procuratore della Repubblica di Foggia Dott. Matteo Stella e quello della Direzione Distrettuale Antimafia Dott. Giuseppe Maralfa.
Sopralluogo ed i rilievi tecnici sono stati effettuati delta Polizia Scientifica. Le indagini sono a cura della Squadra Mobile che ha già raccolto alcune testimonianze ed effettuato perquisizioni.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento