Ultim'Ora

Calcio. Brutto stop del Foggia a Casarano

Cau in panchina a Casarano al posto di Corda (foto web) ndr
di Mario Schena

FOGGIA,23 FEB. -  Continuare la striscia positiva. Per il Foggia a Casarano era vitale non perdere nuovamente terreno dalla vetta dopo aver rosicchiato la settimana scorsa tre punti al Bitonto riducendo il distacco a due lunghezze. Il Foggia ha invece perso e soprattutto giocato male senza mai essere stato in grado di impensierire gli avversari. Assenti gli squalificati Tortori e Di Masi, che si sono aggiunti agli infortunati Salvi, Strumbo, Staiano e Carboni. In panchina ancora Roberto Cau per la qualifica di Ninni Corda. Il Foggia è sceso in campo con il consueto 3-5-2 con a sorpresa Di Stasio tra i pali, Anelli, Viscomi e Cadili in difesa, Salines  e Cittadino sulle corsie esterne, Gerbaudo mediano, Gentile e Campagna mezzali, El Ouazni e Russo in attacco. Ha diretto Dario Madonia di Palermo coadiuvato da Andrea Zezza di Ostia Lido e Francesco Arena di Roma 1. Primo tempo brutto ed improduttivo per entrambe le squadre che non creano nessuna occasione gol. 

Al quinto Viscomi mette in area un pallone toccato di testa da El Ouazni e bloccato da portiere rossoblù. All’ottavo pericolosi i padroni di casa con Mincica che cerca la precisone con un piattone annullato da Cadili. Dopo due minuti è bravo Anelli a deviare la conclusione di Giacomarro. Al ventesimo l colpo di testa di gentile su assist di gerbaudo termina sul fondo e bisogna aspettare il trentacinquesimo per assistere ad una pronta uscita di Di Satsio su una incursione in area di Favetta. Al quarantesimo Russo attende troppo per tirare e si fa deviare la conclusione in angolo da Lobjanize. Due i minuti di recupero e tutti negli spogliatoi per l’intervallo. Inizia il secondo tempo con fumagalli che si riprende il suo posto tra i pali. Passano dieci minuti ed il Casarano si affaccia dalle parti della porta rossonera con Russo che sbaglia l’aggancio a pochi metri dalla porta. Dopo due minuti ci prova Gentile di testa, centrale. 

Al ventisettesimo Foggia insidioso con L’azione di El Ouazni che protegge palla e serve Gerbaudo dentro l’area che converge verso il centro a ridà la sfera a El Ouazni che tira in porta, la sfera viene respinta e finisce sui piedi di Cittadino che ci prova di potenza, ma anche questa volta la palla viene respinta dal corpo di un avversario. Solo schermaglie e al settantottesimo la svolta della gara tiro di Favetta che termina in rete, con Foggia in posizione irregolare a disturbare la visuale di Fumagalli. Per l’arbitro è tutto regolare a causa della deviazione dei rossoneri. Cinque i minuti di recupero, ma il Foggia visto al Capozza è sembrato tornare quello delle trasferte di Agropoli e Gravina. Sconfitta pesante che potrebbe compromettere il cammino dei rossoneri in chiave promozione.

lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento