Ultim'Ora

Monte Sant'Angelo. Forza Italia e Verso il Futuro: "Cosa succede nel servizio riscossione tributi locali? Silenzio intollerabile e immobilismo della Giunta Comunale"

Il Comune di Monte Sant'Angelo (foto web) ndr.
di Redazione

MONTE SANT'ANGELO (FG), 06 GIU. (Com. St.) - «Il 26 novembre 2018, il Consiglio Comunale, con deliberazione n. 79, confermava la gestione privata del servizio di riscossione dei tributi locali, delle tariffe delle lampade votive e delle sanzioni amministrative.

Con il medesimo atto stabiliva che il futuro aggiudicatario del servizio avrebbe avuto l’obbligo di “assorbire prioritariamente nel proprio organico il personale già dipendente del gestore uscente, come previsto dall’art. 50 del D. Lgs. n. 50/2016.

Il 19 dicembre 2018, il Responsabile del Settore “Programmazione e Bilancio”, con propria determinazione n. 1066, approvava il Capitolato d’oneri e il Disciplinare di gara e attivava il procedimento per l’affidamento del servizio per la durata di 6 anni e per l’importo complessivo presunto di euro 1.800.000, oltre IVA, quale base d’asta soggetta a ribasso.

Il capitolato di appalto e il disciplinare di gara prevedeva all’art. 10 l’obbligo per l’aggiudicatario del servizio di assumere e stabilizzare il seguente personale con il relativo rapporto di lavoro:

·      1 dipendente di 1° livello a tempo pieno;
·      2 dipendenti di 2° livello a tempo parziale (35 ore settimanali);
·      3 dipendenti di 2° livello a tempo parziale (25 ore settimanali);
·      1 dipendente di 4° livello a tempo parziale (30 ore settimanali);
·      2 dipendenti di 4° livello a tempo parziale (25 ore settimanali).

Il 25 luglio 2019, il Responsabile del Settore “Appalti e contratti” della Provincia di Foggia, all’esito della gara, procedeva ad aggiudicare il servizio alla PUBLISERVIZI srl con il ribasso del 10% sugli aggi proposti in capitolato. Dopo la verifica dei requisiti di partecipazione alla gara da parte della PUBLISERVIZI srl, l’aggiudicazione diventava definitiva il 5 agosto 2019.

Il 26 settembre 2019, il Responsabile del Settore “Programmazione e Bilancio” del Comune di Monte Sant’Angelo, con propria determinazione n. 795, disponeva l’inizio anticipato del contratto a partire dal 1° ottobre 2019. Da quest’ultima data la PUBLISERVIZI stipulava i nuovi contratti con il personale in servizio, riducendo, per 7 di loro, a venti le ore settimanali di prestazione contrariamente a quanto previsto dall’art. 10 del Disciplinare di gara.

Dall’inizio del mese di giugno 2020, a causa del COVID-19, le ore di servizio per la maggior parte del personale sono state ulteriormente ridotte a 8 ore settimanali.

Da questa vicenda emergono con forza due questioni:

1.    l’Amministrazione Comunale sente il dovere di tutelare i diritti dei lavoratori nel rispetto di quanto stabilito all’unanimità dal Consiglio Comunale nella seduta del 26 novembre 2018?

2.    È legittimo che alla PUBLISERVIZI debba essere concesso lo stesso aggio (vantaggio economico perché gestisce il servizio), pur avendo ridotto le spese per il personale con la diminuzione dell’orario settimanale di servizio?

Se l’Amministrazione Comunale non ritiene che sia suo dovere difendere i lavoratori, “FORZA ITALIA” chiede al Presidente Vergura di convocare il Consiglio Comunale per verificare se la gara di appalto del servizio di riscossione dei tributi locali sia stata effettuato nel pieno rispetto della volontà del Consiglio Comunale e se la PUBLISERVIZI stia rispettando il Contratto stipulato anche in merito alla gestione del servizio».

(Fonte: Forza Italia – Sezione di Monte Sant’Angelo)


lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento