Ultim'Ora

Sport. Calcio. Il Bari presenta il nuovo direttore sportivo: è Giancarlo Romairone


Il nuovo DS del Bari Calcio, Giancarlo Romairone (foto SSC Bari) ndr.
di Beppe Magrone
BARI,24 AGO - La prima uscita ufficiale dopo la sconfitta in finale Play Off contro la Reggiana, la società torna a parlare con la stampa in remoto. Nella sala stampa del San Nicola solo il direttore Giancarlo Romairone con addetto stampa Leonard Pinto.

Ad aprire le danze della nuova stagione è il presidente che ha giustificato con queste parole l’assordante silenzio della società: “Sono state settimane difficili dopo la sconfitta, ma dopo aver metabolizzato tutto siamo pronti a ripartire, per un anno che ci vede affrontare un altra stagione in serie C. Ringrazio i tifosi per la loro vicinanza, anche quelli che ci stressavano, manifestando cosi il loro amore per questi colori. Il nostro silenzio non è stato una mancanza di rispetto ma concentrazione. Rinvestiremo anche quest’anno in serie C, quanto investito lo scorso anno.
Il presidente Luigi De Laurentis, presenta il nuovo DS del Bari: “Do il benvenuto a Giancarlo Romairone, che ha esperienze in categorie superiori, ma che ha vissuto tutte le serie del Calcio. Giancarlo rispecchia i nostri valori professionali ed umani. Ringrazio Matteo Scala resterà in Famiglia con noi, sarà team manager al Napoli (n.d.r.) insieme a lui siamo arrivati ad un passo dal paradiso della serie B, obiettivo prefissato dalla società”.
La scelta di cambiare Direttore Sportivo e Allenatore ha avuto bisogno di settimana di ragionamento, quindi tempo soprattutto dopo la brutta sconfitta. Abbiamo valutato con attenzione in virtù di una nuova stagione che sarà difficile come quella appena terminata e abbiamo deciso”.
Su Vivarini invece Romairone racconta il suo incontro con l’ex allenatore del Bari: “ ho incontrato Vivarini, ho voluto ascoltare le sue idee e le sue riflessioni, senza preconcetti e ho deciso che ci fosse il bisogno di una svolta e quindi che si doveva andare in direzioni diverse".
Decisa e motivante la risposta del nuovo DS: “Ho avuto in incontro con il presidente ed ho subito capito che si vuole riportare il Bari dove merita ed ho deciso di spesare questo progetto. Da calciatore ho fatto tutte le categorie dai dilettanti alle serie A e adesso sono in una piazza importante in una società con persone disposte a tutto per portare al meglio questa avventura”.
Priorità nella ristrutturazione della squadra, con innesti richiesti dall'allenatore, che per ragioni burocratiche non possiamo ufficializzare ancora. Cosa importante sarà quello di fare gruppo, compattezza forza e mentalità, anche fuori dal campo.
Bocche cucite dalla società invece quando si chiedono nomi, o reparti del rettangolo di giochi da sistemare, o sul desiderio dei tifosi di avere un pizzico di “baresità” in squadra “Noi abbiamo un patrimonio giocatori importante, quindi sarà importante puntellare. Arriveranno giocatori funzionali, giocatori che capisca quali avventura sta accettando, tenendo conto anche della nuova regola che obbliga le società in serie C ad avere massimo 22 giocatori in rosa. Sarà un lavoro difficile per me, ma non mi spaventa”.
Il Budget rimane quello dello scorso anno (dieci milioni di euro), nonostante le difficoltà economiche delle aziende dovute al Covid.
La conferenza stampa ha toccato anche altri temi: Sulla campagna abbonamenti il presidente ha detto che aspetta le linee guida del ministero primo di esprimersi e anche quello della possibilità di riportare il vecchio logo del galletto: “Ci stiamo lavorando, la storia di questa squadra per noi è molto importante”.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento