Ultim'Ora

Il weekend a Teatri di Bari. Dal 23 a Monopoli, Molfetta e Bari, rappresentazioni d'eccellenza

Teatri di Bari (foto web) ndr.

di Redazione


BARI, 22 OTT. (Com. St.) - Finalista al Premio Scenario 2019 lo spettacolo “Sammarzano” di e con Adelaide Di Bitonto, Giuseppe Innocente, Ivano Picciallo, Francesco Zàccaro, per la regia di Ivano Picciallo e prodotto da Teatri di Bari, va finalmente in scena dopo lo stop forzato dovuto all’emergenza sanitaria sabato 24 ottobre (ore 21) e domenica 25 ottobre (ore 18) al teatro Kismet di Bari, nell’ambito della stagione a cura di Teresa Ludovico.

Ambientato in un paese del sud Italia, sotto il sole cocente di agosto, Sammarzano nasce da un'urgenza sociale e culturale, una riflessione circa il mondo che si muove intorno a quella che è una vera e propria città invisibile. Tra le immense campagne coltivate a pomodori dove uomini lavorano a capo chino, senza sosta, risalta la figura di Dino che, attraverso il suo sguardo, deforma i personaggi grotteschi che lo accompagnano nella storia, portando allo scoperto, le contraddizioni e la tragicità di una realtà invisibile mettendo una lente sulla più grande baraccopoli d’Italia. Diventare immigrato è il sogno di Dino. Nella sua cruda semplicità il protagonista, diviene filtro tra realtà e immaginario, vetro frapposto tra pubblico e attori in scena attraverso il quale è possibile assistere alla sua vita, al suo quotidiano, alle sue speranze, ai suoi sogni.
“Sammarzano offre al pubblico un punto di vista per leggere il fenomeno delle migrazioni e dell'accoglienza attraverso un'altra lente. L'attore dichiaratamente gioca a interpretare un personaggio mascherandosi. Con un particolare lavoro sulle fisicità dei personaggi e sull'uso delle maschere di commedia dell'arte, scardiniamo il codice tradizionale creando un cortocircuito mirato a decontestualizzare la maschera di commedia dalla commedia stessa. Potremmo infatti definire Dino un Arlecchino nuovo, contemporaneo. Chi ha la maschera è un immigrato, un diverso, e Dino è un diverso tra i diversi”, spiega Ivano Picciallo, autore, attore e regista pugliese.

MENZIONE SPECIALE da parte dell’Osservatorio Alma Mater Studiorum - Università di Bologna osservatorio critica nell'ambito di Scenario Festival 2019 e Premio Scenario 2019

“Sammarzano ha la capacità di proporre in maniera innovativa la tradizione della maschera e della Commedia dell’Arte, rifunzionalizzandole a obiettivi che intercettano nuove necessità narrative. In questo lavoro l’alterità, la follia, la diversità si coniugano a temi di stringente attualità come l’immigrazione, in una dinamica che, dal punto di vista dei linguaggi della scena, ha saputo valorizzare con coerenza temperamento d’attore e lavoro di gruppo, indagine sociale e ricerca artistica.”

“Sammarzano” rientra nel progetto “Nuove scritture” nell’ambito di Programmazione Custodiamo la Cultura DRG682/2020.

Dopo il successo di critica e i sold out registrati a Bari “1 e 95” di e con Giuseppe Scoditti venerdì 23 e sabato 24 ottobre arriva al Teatro Radar di Monopoli, alle ore 21.
È già tutto esaurito per la replica di domenica 25 ottobre a La Cittadella degli Artisti di Molfetta, alle ore 20, nell’ambito di “Tempi comici” un focus che rientra in un più ampio cartellone, dal titolo “Una magnifica stagione ritrovata – Teatri D’autunno”, coordinato con Arterie Teatro, Teatrermitage, Malalingua, Teatro dei Comici e Teatro dei Cipis, e sostenuto dal Comune di Molfetta.

Lo spettacolo “1 e 95” di e con Giuseppe Scoditti, una nuova produzione Teatri di Bari/Elsinor. Uno stand-up comedy show prodotto da Teatri di Bari, assieme ad Elsinor, scritto a quattro mani con il milanese Ludovico D’Agostino.





lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento