Ultim'Ora

Bari. Operazione “Nuvola d’Oro” della Gdf. Eseguite, a Foggia, 4 misure cautelari personali per induzione indebita a dare o promettere utilità

Operazione "Nuvola d'Ora" della Gdf. (foto Gdf) ndr.

di Redazione

BARI, 11 FEB. (COMUNICATO STAMPA) - Nella giornata odierna i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari hanno eseguito un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali (arresti domiciliari) – emessa dal Tribunale di Foggia - Ufficio del G.I.P. – su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 4 persone, ritenute responsabili di concorso nell’ipotesi di reato continuato di induzione indebita a dare o promettere utilità di cui all’art. 319-quater c.p.. I soggetti destinatari della misura sono un Consigliere in carica e un funzionario del Comune di Foggia (addetto al “servizio informatico, telematico, telefonico ed innovazione tecnologica”), un medico in pensione (particolarmente inserito nel tessuto politico-sociale della città di Foggia) nonché un imprenditore dauno operante nel settore informatico. Il provvedimento costituisce l’epilogo di complesse indagini svolte dai Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Bari e coordinate dalla Procura della Repubblica di Foggia, che hanno consentito di acquisire un grave compendio indiziario a carico dei soggetti oggi attinti da misura cautelare. Ciò a seguito dell’esecuzione, da parte delle Fiamme Gialle baresi, di intercettazioni telefoniche e ambientali, di mirate indagini finanziarie, della disamina dei tabulati telefonici e dei dati estrapolati dagli smartphone di taluni indagati nonché della documentazione amministrativo-contabile acquisita presso il Comune di Foggia. In particolare, nel corso delle articolate attività investigative, è emerso che i quattro soggetti attinti dalla misura cautelare avrebbero indotto il rappresentante legale di una s.r.l. con sede a Campobasso, esercente l’attività di servizi connessi alle tecnologie informatiche, a consegnare loro denaro per un importo di circa 35.000 euro in tre tranche, nel 2018-2019, quale contropartita del pagamento di tre fatture emesse dalla sua società nei confronti del Comune di Foggia. Nello specifico, l’imprenditore molisano si è determinato in tal senso, pur di vedersi saldate talune prestazioni rese al Comune di Foggia, in relazione a un appalto per il servizio informatico di archiviazione dati, che si era aggiudicato nel marzo 2017, avente durata annuale e successivamente prorogato per altri 18 mesi (per un valore complessivo di circa 371.000 euro).



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento