Ultim'Ora

'Tutti a Tavola' - Orzo risottato ai carciofi con salmone all'aneto

Il piatto pronto. (foto com.) ndr.

di Helena Ancona

BARI, 5 MAR. - Fernando Pessoa, poeta portoghese, diceva: 
"Credo al mondo come a una margherita, perché lo vedo. Ma non penso ad esso, perché pensare è non capire... Il Mondo non si è fatto perché noi pensiamo a lui, (pensare è un'infermità degli occhi) ma per guardarlo ed essere in armonia con esso... Io non ho filosofia: ho sensi. Se parlo della Natura, non è perché sappia ciò che è, ma perché l'amo, e l'amo per questo perché chi ama non sa mai quello che ama, né sa perché ama, né cosa sia amare... Amare è l'eterna innocenza, e l'unica innocenza è non pensare..
Trovo che questa strepitosa poesia colga il senso più profondo dell'amore per la natura. Amore è rispetto. Rispetto è equilibrio, armonia. Mi sono lasciata ispirare da questi versi cucinando. Salmone, orzo perlato e carciofi... un vero trionfo di omega 3, calcio, ferro, fibre. In una sola parola benessere. La ricetta di oggi è facile e veloce ma molto nutriente (e soprattutto buonissima). È anche molto light ma sentitevi liberi di arricchirla mantecando l'orzo con un cucchiaio di formaggio fresco a fine cottura oppure aggiungendo altri colorati ortaggi. Io la preferisco così, nature! 

Ingredienti per 4 persone

2 tranci di salmone già affumicato di buonissima qualità 
Aneto 30 gr 
Prezzemolo 
Sedano 1 costa 
Carota 1 
Cipolle 2 
Carciofi 6 
Olio evo 
Burro 
Vino bianco secco 
Limone 1 

Preparate un classico brodo vegetale. Sedano, carote, cipolla e prezzemolo in abbondante acqua salata. Portate a bollore. Disponete in una casseruola una noce di burro, un filo d'olio, la buccia di mezzo limone (evitando la parte bianca) e una cipolla tritata. Fate imbiondire lentamente. Lavate e mondate i carciofi togliendone la barbetta interna e tagliandoli a spicchi. Immergeteli poi in acqua fresca e limone. Asciugateli e aggiungeteli in casseruola. Non appena i carciofi saranno rosolati, metteteli da parte in un recipiente riservando la stessa padella alla cottura dell'"orzotto". In questa ricetta infatti tratteremo l'orzo esattamente come un risotto: quindi nel prossimo passaggio tostate l'orzo in un filino d'olio e una volta bollente, sfumate con vino bianco. Quando l'alcool sarà evaporato, iniziate ad aggiungere brodo caldo all'orzo. Fate assorbire lentamente, mestolo dopo mestolo, il brodo ed a metà cottura aggiungete i carciofi precedentemente messi da parte. Fate cuocere per i restanti 5/6 minuti a fiamma moderata. Durante questo tempo aromatizzate il salmone passandolo nell'aneto tritato. Scottatelo due minuti per lato in un goccio d'olio extravergine, in maniera tale da formare una crosticina succulenta. Assemblate con l'orzo risottato alla base del piatto e il trancio di salmone adagiato sopra decorando con un rametto di prezzemolo fresco. Servite dopo pochi minuti con una generosa spolverata di pepe nero macinato fresco.



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento