Ultim'Ora

Monte Sant’Angelo (Fg). Bruciata l’auto del dirigente comunale Rignanese. La vicinanza e le dichiarazioni del Sindaco e delle forze politiche locali

Monte Sant'Angelo, lo storico e caratteristico quartiere Junno (foto web) ndr.
di Nico Baratta

MONTE SANT'ANGELO (FG), 21 GIU
- Mercoledì 20 giugno c.a., come anticipato nell’articolo “Auto in fiamme a Monte Sant’Angelo. È del Dirigente comunale D. Rignanese; le sue dichiarazioni”, a Monte Sant’Angelo è stata incendiata l’auto del Capo Settore Comunale Rag. Domenico Rignanese (per gli amici, e da qui anche, Mimmo). Un atto vile, crudele, che ha destato preoccupazioni nella comunità angiolina. Un atto, tra l’altro, “scalcinato” da un articolo di stampa che ha irritato tutta Monte Sant’Angelo, ricordando avvenimenti quarantennali cui lo stesso Rignanese non disconosce ma chiede completa verità dei fatti, e non scritti parzialmente solo per far audience e clik.

A tal riguardo, sull’incendio dell’auto del rag. Mimmo Rignanese, si sono espresse le locali forze politiche, Sindaco in primis, conferendo vicinanza al dirigente comunale, indignazioni per verità recise e pieno aiuto agli inquirenti per far luce su un atto che ha del mafioso.

Incendiata auto a Responsabile di settore del Comune di Monte Sant’Angelo, il Sindaco d’Arienzo: “Delinquenza inquina il territorio. Uniti saremo sempre più forti di loro”.
Questa mattina, in pieno giorno e nei pressi di Palazzo di Città, l’auto del Responsabile del settore Affari Generali del Comune di Monte Sant’Angelo, Domenico Rignanese, è stata incendiata.
“Ieri l’ennesimo agguato di stampo mafioso ha macchiato di sangue la città di Vieste e oggi a Monte Sant’Angelo questo vile atto. Siamo stufi di questa delinquenza diffusa che inquina i nostri territori marchiandoli vergognosamente. Monte Sant’Angelo è la Città dei due Siti UNESCO, è la Città delle persone perbene!” – dichiara Pierpaolo d’Arienzo, sindaco di Monte Sant’Angelo. “Qualcuno da giorni continua a gridare ‘prima gli italiani’, a chiudere porti, ma credo sia opportuno cominciare a gridare ‘prima le persone per bene!’ di qualsiasi nazionalità esse siano! Prima la legalità. E se proprio dobbiamo parlare di chiusure, chiudiamo questi delinquenti senza scrupoli in galera. Monte Sant’Angelo e il Gargano chiedono a gran voce al Ministro Salvini di rafforzare quel lavoro serrato di controllo che, negli ultimi anni, Forze dell’ordine e Prefettura hanno svolto nel nostro territorio!” – aggiunge d’Arienzo, che termina – “Esprimo la solidarietà mia e dell’intera Amministrazione al Responsabile del Settore e chiedo a gran voce che l’intera comunità si schieri in modo inequivocabile: uniti saremo sempre più forti di loro”.

Monte Sant'Angelo. Attentato incendiario, Forza Italia: uniti e determinati contro la delinquenza.
“La notizia dell’attentato incendiario ai danni dell’auto del rag. Domenico Rignanese, Caposettore del Comune di Monte Sant’Angelo, ha provocato certamente sgomento e rabbia nella nostra città. Oltre alla solidarietà alla persona, Forza Italia esprime solidarietà a Monte Sant’Angelo, perché, quando accade ciò, è anche la città ad essere offesa e a pagarne il danno di immagine che ne deriva.

Monte Sant’Angelo non merita di essere oggetto di cronaca nera, perché è terra di Arte, di Cultura, di Tradizioni, di Solidarietà, di Altruismo. Monte Sant’Angelo, negli anni, ha già pagato, anche troppo, in termine di vite umane e di immagine, e oggi nessuno deve più permettersi di offenderla in questo modo: spetta a tutti, dalle famiglie alla scuola, dalle parrocchie al mondo dell’associazionismo e del volontariato allearsi perché a prendere il sopravvento sia la pace e non la guerra, la legalità e non l’illegalità e la delinquenza; i delinquenti devono sapere che nella nostra Monte non c’è spazio per loro, perché non avranno mai il sostegno e la comprensione della gente perbene.

Al Sindaco, ricordando che il tono polemico con cui invita il Governo ad attenzionare il nostro territorio non è certamente il migliore per richiamare alla solidarietà e all’unità, diciamo che combattere la delinquenza e lavorare per la legalità sono i principi cardine, la stella polare, che appartengono a nessuno e a tutti, non sono di una sola parte politica, ma sono di tutti coloro che si riconoscono nella legalità; la legalità e il rispetto delle regole non hanno una tessera di partito, sono di tutti. Forza Italia è e sarà sempre dalla parte della legalità e delle persone oneste: non sono i tempi e i ruoli a farci cambiare idea.

Forza Italia fa appello a quanti, riconoscendosi nei valori della legalità e del bene comune, hanno la forza di collaborare con chi ha la responsabilità delle indagini: non dobbiamo lasciare soli, in questa battaglia, chi ogni giorno si impegna nella tutela dei nostri interessi e del nostro vivere sereni.

Ognuno, in quanto cittadino, non può chiamarsi fuori dalla responsabilità di costruire un mondo migliore non solo per sé, ma anche per quanti hanno deciso di restare in questa terra”.

La nota stampa del Meetup Monte In Movimento
“Apprendiamo dagli organi di stampa che questa mattina l'auto del Rag. Domenico RIGNANESE, caposettore degli Affari Generali del comune di Monte S. Angelo, è stata incendiata da ignoti. Il Meetup Monte in MoVimento esprime solidarietà al caposettore e condanna con forza il gesto delinquenziale. Invita gli amministratori a porre in essere tutto quanto è possibile per aiutare gli inquirenti affinché si possa arrivare all'individuazione dei responsabili e allo stesso tempo a trovare i fondi necessari per ampliare il sistema di videosorveglianza. Monte merita serenità e opportunità”.


©NicoBaratta all rights reserved - Tutti i diritti sono riservati

lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento