Ultim'Ora

Regione Puglia. IV Commissione: ok alla pdl di istituzione dell’Unità regionale per l’acquisto di energia elettrica e gas (URAE)

Il logo delle Regione Puglia (foto web) ndr.
di Redazione

BARI, 18 APR. (Com. St.) - La IV Commissione ha approvato a maggiorana la proposta di legge di “Istituzione dell’Unità regionale per l’acquisto di energia elettrica e gas (URAE)”, presentata dai consiglieri regionali del M5S. Il provvedimento è stato accolto con soddisfazione da parte del governo regionale, il cui parere favorevole è stato espresso dall’assessore allo sviluppo economico, presente ai lavori.

Obiettivo centrale della legge è di istituire, nell’ambito della struttura organizzativa regionale, una specifica Unità al fine di promuovere la costituzione di gruppi di clienti-utenti finali sul mercato unico dell’energia e del gas, con l’obiettivo di facilitare l’attività di acquisto collettivo di servizi di fornitura di energia elettrica o di gas naturale nel mercato libero, in vista della prossima fine del servizio di maggior tutela prevista a partire da luglio 2020.
Secondo i proponenti, è necessario che il prossimo ingresso nel mercato dei clienti finali avvenga attraverso meccanismi che assicurino la concorrenza e la pluralità di fornitori e offerte sul mercato libero, stimolando i clienti finali ancora serviti nei regimi di tutela, che fino a oggi mostrano una certa inerzia e diffidenza, ad effettuare una scelta consapevole del proprio fornitore.
A tal fine, nel testo sono riportate le definizioni di “cliente finale”, che è la persona fisica o giuridica che acquista energia elettrica o gas naturale esclusivamente per uso proprio, compresi enti pubblici e soggetti privati, in relazione ad una utenza attivata sul territorio regionale; di “venditore, che è il soggetto, controparte nel contratto stipulato con il cliente finale, autorizzato a svolgere attività di vendita a clienti finali del servizio di fornitura di energia elettrica o di gas naturale ai sensi della normativa vigente.
Altro obiettivo della legge è creare anche all’interno della struttura organizzativa della Regione Puglia uno strumento attraverso il quale rendere il consumatore un soggetto attivo nel mercato del gas e dell’energia elettrica.
L’Unità regionale che si intende istituire rappresenta un soggetto indipendente. I consumatori di energia elettrica e di gas naturale, sia pubblici che privati, di piccola dimensione e in particolare, per il settore elettrico, tutti i clienti finali (domestici e non domestici) connessi in bassa tensione e, per il settore del gas naturale, i clienti finali (domestici e non domestici) con consumi annui inferiori a 200.000 Smc, potranno unirsi e agire congiuntamente, attraverso gare ad evidenza pubblica, con un’apposita convenzione con InnovaPuglia, individuando il fornitore più economico sotto il profilo delle tariffe, la qualità del servizio e la sostenibilità del prodotto.
Altra novità riguarderebbe la previsione di promuovere attraverso l’URAE l’utilizzo di energia elettrica verde prodotta da fonti rinnovabili che, in base a quanto previsto dalla clausola valutativa, andrà verificato e rendicontato periodicamente mediante una relazione della Giunta da trasmettere alla Commissione consiliare competente. In questo modo, la Regione contribuirà ad incentivare la produzione di energia da fonti rinnovabili agendo attraverso la domanda, fornendo allo stesso tempo un supporto agli enti pubblici e ai soggetti privati che vorranno unirsi per ottenere condizioni contrattuali migliori presso i fornitori di energia elettrica e gas. In questo modo, secondo quanto previsto nel testo, i cittadini che saranno chiamati a scegliere il fornitore sul libero mercato potranno rivolgersi a un soggetto istituzionale strutturato ed affidabile, in grado di personalizzare l’offerta attraverso la costituzione di gruppi di acquisto.
È prevista l’istituzione del tavolo tecnico di indirizzo e sviluppo dell’URAE a cui dovranno partecipare i vari portatori di interesse. Il tavolo dovrà svolgere un’azione di supporto nella definizione delle strategie per la gestione delle attività dell’URAE.

La Commissione ha rinviato, per ulteriori approfondimenti, l’esame della proposta di modifica da apportare alla legge regionale “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma, per la tutela e la programmazione delle risorse faunistico-ambientali e per il prelievo venatorio”.


lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento