Ultim'Ora

Monte Sant’Angelo. Piazza d’Angiò: la replica all'opposizione dell’Amm.ne Comunale e del sindaco d’Arienzo

Layout del progetto Piazza Carlo d'Angiò (foto Comune MSA) ndr.
di Redazione

MONTE SANT'ANGELO (FG), 02 LUG. (Com. St.) - A poche ore dal comunicato stampa scritto da Forza Italia e Verso il Futuro, divulgato anche a mezzo stampa oltre che sui social, giunge la risposta dell’Amministrazione Comunale di Monte Sant’Angelo e del Sindaco Pierpaolo d’Arienzo. Una risposta divulgata su facebook che rigetta al mittente ogni affermazione, rivendicando la fattibilità del progetto, iniziato, come è scritto in calce nei documenti comunali, anni fa, come specificato dalle due forze politiche d’opposizione. Contestualmente c’è anche la risposta del Primo cittadino montanaro, che non ha esitato a lesinare risposte, rivendicandone la fattibilità esecutiva. Ne diamo notizia per ovvie ragioni di "diritto di replica", pur non avendo ricevuto la email del comunicato di CambiaMonte, segnalata da terzi.

“Forza Italia e Verso il Futuro sognano ad occhi aperti”.
Per intestarsi un risultato non basta avere nei propri sogni e nelle proprie fantasie un obiettivo, sarebbe bello, ma purtroppo non funziona così!
Per raggiungere un obiettivo, come ad esempio la riqualificazione di piazza Carlo d’Angiò, c’è bisogno di anni di impegno e di duro lavoro, inoltre è necessario avere il finanziamento e la progettazione esecutiva.
Due interlocuzioni tra enti non sono un risultato ma una semplice manifestazione di volontà. E di manifestazioni di volontà, che non portano a nessun risultato, ne è pieno il mondo.
Nell’elenco di atti menzionati da Forza Italia e Verso il Futuro non vi è traccia di alcuna progettazione e soprattutto sono stati omessi volontariamente degli atti fondamentali:
- la delibera del presidente del Parco Nazionale del Gargano n° 68 del 13/12/2016 (la revoca del finanziamento per la riqualificazione di Piazza Carlo d’Angiò, altro che Cesare!);
- la delibera n°1 del 31/01/2018 della comunità dei sindaci (la concessione del finanziamento per Piazza Carlo d’Angiò);
- la delibera n° 2/2018 del Consiglio direttivo dell’ente Parco in cui è stato approvato l’obiettivo specifico relativo alla redazione ed all’approvazione della progettazione definitiva ed esecutiva dell’intervento finalizzato alla sistemazione di Piazza Carlo D’Angiò;
- la determinazione n. 4 del 24.01.2019 con la quale il Parco ha approvato la progettazione definitiva relativa ai lavori di “riqualificazione di Piazza Carlo d’Angiò;
- la delibera di Giunta Comunale di Monte Sant’Angelo n. 57/2018 circa la messa a disposizione a favore dell’Ente Parco Nazionale del Gargano delle aree interessate dall’intervento di sistemazione e riqualificazione della Piazza Carlo d’Angiò,
- La delibera di giunta comunale n° 120/2020 che ha approvato la progettazione esecutiva (cantierizzabile e con pareri allegati) della riqualificazione di Piazza Carlo d’Angiò.
E’ questo il modo per conseguire concretamente degli obiettivi, i sogni e le immaginazioni sono importanti, ma poi bisogna calarsi nella realtà.
Si coglie l’occasione per ringraziare nuovamente il Presidente Pazienza, i membri della giunta Costanzucci e Coccia ed i sindaci della comunità del Parco per il raggiungimento di questo ambizioso obiettivo.

“Tante medagli e pochi fatti” la risposta del Sindaco d’Arienzo.
Il rifacimento di Via Carlo D’Angió è un’opera importante, perché ci consente di complementare la riqualificazione della zona centrale della nostra città, avviata tanti anni fa mediante la delocalizzazione delle attività commerciali cosiddette “baracche”. Con il riconoscimento Unesco, questa esigenza è cresciuta ancor più, anche in virtù del fatto che l’intervento è stato ritenuto strategico all’interno del Piano di Gestione.
Se Verso il Futuro e Forza Italia vogliono intestarsi il merito (tra l’altro a torto!), si accomodassero.
A noi interessa il risultato finale e non il riconoscimento formale, perché nella nostra Città per molti anni ci sono state tante medaglie e pochi fatti!

La nuova Piazza Carlo d’Angiò e come sarà il nuovo accesso al Santuario

L'asfalto che arriva a ridosso della Basilica sarà sostituito con un basolato in pietra, sarà potenziato ed ammodernato l'impianto di illuminazione, saranno riqualificati i bagni pubblici e la scalinata che porta al castello e saranno installati dei nuovi elementi di arredo.
Questa settimana è stato approvato da parte del Comune di Monte Sant'Angelo il progetto definitivo dell'opera, realizzato e finanziato dal Parco Nazionale del Gargano.
A breve si procederà alla gara d'appalto ed all'affidamento dei lavori.
Finalmente a Piazza Carlo d'Angiò sarà restituito il decoro che merita, essendo uno spazio adiacente alla Basilica di San Michele Arcangelo, Patrimonio Mondiale dell'UNESCO.
L'Ente Parco Nazionale del Gargano valorizza l’accesso al Santuario dell’Arcangelo Michele grazie al progetto di riqualificazione e valorizzazione di Piazza Carlo d’Angiò (la piazza adiacente il Santuario).
-    Il Sindaco Pierpaolo d'Arienzo: “Opera strategica per la Città dei due Siti UNESCO”
-    “Un progetto importante che ci permetterà di continuare quel percorso di rigenerazione e valorizzazione già iniziato in Via Reale Basilica e nella Città” – dichiara l'assessore ai lavori pubblici e urbanistica Michele Fusilli.
-    Per l’Assessore alla cultura e al turismo, Rosa Palomba - “Celebriamo in questi giorni il compleanno dei due Siti UNESCO e questo annuncio del Presidente Pazienza è veramente un grande regalo".

Per saperne di più: L’accesso al Santuario UNESCO sarà riqualificato dall’Ente Parco, Sindaco d’Arienzo: “Opera strategica per #LaCittàdeidueSitiUNESCO”

FOCUS
- Monte Sant'Angelo: «Piazza d'Angiò: da noi la verità, "dare a Cesare quel che è di Cesare"»



lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento