Ultim'Ora

Calcio. Eziolino Capuano nuovo allenatore del Foggia calcio

Ninni Corda ed Eziolino Capuano nuovo tecnico del Foggia (foto mario schena) ndr

di Mario Schena

Foggia 2 sett. - Conferenza stampa questa mattina nella sala stampa “Antonio Fesce” dello stadio Zaccheria nel corso della quale la dirigenza rossonera ha comunicato di aver affidato la guida tecnica della prima squadra al sig. Ezio Capuano. Salernitano di nascita ma originario di Pescopagano, il cinquantacinquenne tecnico porta con sè un vasto bagaglio di importanti esperienze professionali, avendo nel corso della sua lunga e ricca carriera iniziata a soli 24 anni in Serie D, sulla panchina dell’Ebolitana) per poi passare a numerose società italiane alcune prestigiose come, Arezzo, Modena, e Sambenedettese, con una parentesi anche in Belgio, all’Eupen. E’ di casa nel Girone C delle serie C, ottenendo buoni risultati in piazze storicamente “calde” quali Potenza, Puteolana, Trapani, Nocerina, Paganese, Messina, Juve Stabia, Casertana ed Avellino, ultima squadra guidata nella scorsa stagione con la quale ha raggiunto i play off. Il neo tecnico rossonero alle domande dei giornalisti ha risposto: "Penso che un allenatore abbia bisogno di stimoli. Essere un allenatore è come essere un prete, ci vuole la cosiddetta “vocazione”. Dopo anni di carriera, con l’esperienza ed i successi alle spalle, finisci per essere tu che scegli la piazza e quando sei lì a decidere il tuo futuro, punti sempre in grande, punti a piazze che vivono per di calcio. Città che ti trasmettono grinta e adrenalina. Foggia è una di queste. A chi ha insinuato una difficile convivenza con Ninni Corda, vulcanico tecnico dei rossoneri nella passata stagione ed ora Direttore Generale, ha risposto: ”Invece dimostreremo all’Italia calcistica che due uomini forti si attraggono, si comprendono, si stimano e non si respingono. Nella vita ognuno deve fare il proprio mestiere, Corda per me sarà un grande arricchimento. Quando si parla di una persona come lui basta prendere in considerazione i numeri, i fatti e le coppe messe in bacheca. È un vincente. Faremo grandissime cose insieme, di questo ne sono certo. Il Foggia di Capuano?  Sarà una squadra organizzata, aggressiva, suderà la maglia e non come frase di circostanza. Voglio una squadra razionale che sputerà sangue ogni partita. Ogni domenica sarà una guerra, chi avrà queste caratteristiche con Capuano andrà avanti". Presentato anche il nuovo segretario generale, per lui un ritorno, si tratta di Giani Francavilla, già dirigente del Foggia di Casillo  che ha rinunciato alle serie A con lo Spezia come lui stesso ha confermato: “Per una serie di motivazioni alla fine ho scelto Foggia, anche dopo richieste importanti in Serie A. Mi hanno chiamato e richiesto tantissimo sia Davide che il Direttore Corda. Lavorare per la propria squadra ha i suoi pro e i suoi contro, sono contento di essere tornato. Nel momento in cui ti chiama una squadra di Serie A devi andare a parlarci, devi vedere il tipo di lavoro che ti vogliono affidare, preferivo venire a Foggia: discorso famiglia, lontananza, serie A con un ruolo secondario non mi ha fatto piacere. Alla fine è prevalsa questa situazione. Fino a prima della sentenza non ero molto convinto, ma nel momento in cui in primo grado di danno da scontare 5 punti nello scorso campionato, ribaltare la sentenza sarebbe una farsa. La società si sta muovendo sui discorsi burocratici dopo bisognerà aspettare.”  Ora si attende la sentenza di appello che dovrebbe arrivare entro il dieci settembre. Per ora il Foggia è in ritiro a Trevi con una rosa composta attualmente da un organico attualmente limitato ma che verrà rimpinguato solo dopo l’iscrizione al Campionato di Serie C (dopo la sentenza d’appello ndr). Per ora il Foggia si gode il ritorno tra i professionisti con un futuro tutto da scrivere.


lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento