Ultim'Ora

Cronaca. Capitanata sotto controllo. La Polizia rafforza controlli anti-Covid e intesifica attività "Alto Impatto"

La Questura di Foggia (foto web) ndr.

di Redazione

FOGGIA, 01 DIC. (Com. St.) - Continuano i servizi anti-covid, soprattutto nelle ore serali del fine settimana, sia nel centro di Foggia che nelle cittadine della provincia: Cerignola, San Severo, Manfredonia e Lucera, nonché nei Comuni minori della Provincia.

Ha operato su tutto il territorio un dispositivo interforze, composto da Agenti della Polizia di Stato della Questura di Foggia e della Polizia Amministrativa, del Reparto Prevenzione Crimine, della Polizia Locale, oltre a Militari della Guardia di Finanza e dell’Arma dei Carabinieri.

Gli Agenti e i Militari hanno svolto un servizio rivolto al controllo del rispetto di tutte le prescrizioni imposte con gli ultimi decreti, nonché delle ultime ordinanze sindacali che prevedono restrizioni ulteriori.

Sono state controllate persone per verificare la posizione rispetto al divieto di spostamento in entrata e uscita dal territorio regionale e al divieto di spostamento nei comuni diversi da quello di residenza o domicilio. Sono state controllate persone in strada dopo le ore 22:00, in cui vige il divieto di circolare, se non per casi di necessità e urgenza, motivi di lavoro o salute, comprovabili e giustificati con l’esibizione della autocertificazione.

A Foggia un uomo veniva sorpreso a bordo della propria autovettura, mentre faceva rientro a casa, nonostante fosse positivo al covid; il predetto era andato a fare una commissione, pertanto, veniva denunciato in stato di libertà alla competente Procura della Repubblica.

Altri due foggiani venivano controllati alle 2:00 di notte a bordo di un’auto, in una zona del centro storico. I due, non solo avevano violato il coprifuoco, ma uno dei due deteneva illegalmente due coltelli che venivano sequestrati dagli Agenti; così scattava oltre alla sanzione amministrativa, anche la denuncia penale.

Alla fine delle attività sono state identificate 1926 persone, controllati 179 veicoli, elevate 5 contravvenzioni per violazioni al C. di S., controllate 126 attività commerciali ed elevati verbali per 18 violazioni alle leggi anti-covid; denunciate due persone per inosservanza del divieto assoluto di allontanamento dalla propria abitazione¸ sono state infine ritirate 35 autocertificazioni.

Sono proseguiti in maniera incessante i servizi interforze di controllo straordinario del territorio ad alto impatto, dal 23 al 29 novembre scorso nel Comune di Manfredonia.

La pianificazione degli interventi operativi è stata concordata in sede di un tavolo tecnico interforze, avvenuto in modalità da remoto ed è stata recepita da una specifica ordinanza questorile con l’implementazione delle attività operative su strada.

Le attività di Polizia hanno riguardato l’intero territorio cittadino che, per ragioni operative, è stato suddiviso in: “Zona Alta” e “Zona Bassa”, con controlli effettuati in concomitanza con la Compagnia Carabinieri di Manfredonia e la Polizia Locale nella prima zona e il Commissariato PS di Manfredonia, Reparto Prevenzione Crimine “Puglia Nord” di San Severo, Compagnia Guarda di Finanza di Manfredonia e della locale Polizia Locale.

Sono stati presidiati gli obiettivi sensibili maggiormente esposti ai reati predatori, con l’effettuazione di numerosi posti di controllo.

Le pattuglie si sono avvalse di smartphone per il controllo in tempo reale dei documenti e di una unità cinofila per l’ispezione delle autovetture con a bordo persone con pregiudizi di polizia in materia di stupefacenti e armi.

Gli agenti del Commissariato PS di Manfredonia, del Reparto Prevenzione Crimine “Puglia Nord” di San Severo, con l’impiego di oltre 100 uomini, hanno identificato e controllato 340 persone, di cui 58 con precedenti di polizia, 206 veicoli, 15 persone sottoposte alle misure cautelare e ritirate 16 autocertificazioni Covid -19. Particolare attenzione è stata dedicata anche all’attività di polizia di frontiera marittima con il controllo di 4 navi e 44 marittimi.

Inoltre, sono state effettuate nove perquisizioni e sono state denunciate due persone di cui una per evasione e l’altra per minaccia.

Infine, sono stati svolti anche servizi anti-assembramento per l’osservanza del distanziamento sociale, con particolare riferimento alle ultime ordinanze municipali sul divieto di consumo di bevande e alimenti all’aperto e sull’estensione dell’obbligo dell’uso della mascherina, nonché controlli su singoli soggetti, per riscontrarne l’ obbligo di quarantena domiciliare disposta dall’autorità sanitaria.

A riguardo sono state identificale 295 persone, 135 veicoli e controllati 6 esercizi pubblici.

 




lagazzettameridonale.it © All Rights Reserved (Tutti i diritti di questo articolo sono Riservati)

Nessun commento